Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'arte degli Uffizi in tavola: la ricetta dello chef Picchi ispirata a "Ragazzo con cesta di pesci"

L'arte delle Gallerie degli Uffizi raccontate le ricette di grandi chef

Le Gallerie degli Uffizi portano l'arte in tavola grazie alle collaborazioni con alcuni chef. Domenica 17 gennaio il primo appuntamento con “Ragazzo con cesta di pesci" di Giacomo Ceruti - un pittore lombardo del ‘700 chiamato Pitocchetto, da “pitocco” (persona priva di mezzi), per via della gente di umili condizioni che era solito ritrarre nei suoi quadri - e Fabio Picchi, illustre chef toscano.

Al centro del dialogo tra arte e cucina la granseola, un crostaceo di colore rosso bruno che vive nei mari italiani, isole comprese.
Questo granchio si trova nel dipinto insieme alla spigola e alla sogliola. Ma come si mangia la granseola?
Si mangia con le mani: si morde e "si sugge, come le migliori pietanze al mondo" spiega Picchi.

Tutto il pesce, così come la spigola raffigurata nel dipinto, non vuole troppi condimenti e va accompagnato in maniera semplice. Per questo motivo lo chef ha deciso di proporre la sua ricetta della maionese (realizzata a regola d'arte).

La ricetta della maionese dello chef Fabio Picchi:

6 tuorli di uova biologiche
1 nonniente di sale
½ litro di olio delle colline fiorentine
Il succo di un limone
Un bicchiere di acqua fredda del Santuario de La Verna.

Con una forchetta sbattere i tuorli d’uovo con un pizzico di sale, alchemizzando in una fusione “fredda” con un filo di olio in alta caduta e pregando Iddio che la magia avvenga. Il tutto dovrebbe portarvi a un liscio e untuoso composto che si accorpa intorno ai rebbi della medesima posata. Raggiunta questa irrinunciabile condizione, aggiungere, continuando l’operazione, il succo sottratto al GialloVerde agrume e alle sue orientali memorie, che avete precedentemente raccolto in un vaso di serra fiorentina. Volendo portare a liquida consistenza tutta la maionese, dovrete amalgamare a questo punto l’acqua del Santo, capace di far emozionare Fratelli e Sorelle, Soli e Lune, per costanti e certi e miracoli, come questa maionese adatta alle bianche e delicate carni di un pesce bianco... l'Appartenenza al Creato di una semplice maionese!.

Video dalla pagina Facebook degli Uffizi

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

L'arte degli Uffizi in tavola: la ricetta dello chef Picchi ispirata a "Ragazzo con cesta di pesci"

FirenzeToday è in caricamento