rotate-mobile
social San Casciano in Val di Pesa

Studenti lanciano polpette di fiori per salvare le api: “Le nuove generazioni più consapevoli di noi adulti”

L’iniziativa ha coinvolto circa 260 studenti delle scuole primarie di San Casciano, Mercatale e Cerbaia

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

Sensibilizzare le nuove generazioni sui temi legati all'ambiente. E' questa la missione delle amministrazioni locali che, con il sostegno della scuola, vogliono cercare di rendere più responsabili gli adulti del futuro. In questo senso il Comune di San Casciano, per celebrare la Giornata mondiale delle Api, ha lanciato la campagna di sensibilizzazione “Flower Ball Challenge”, un gioco ludico-didattico rivolto a 260 bambine e bambini sul ruolo vitale delle api per la tutela della biodiversità e l’equilibrio degli ecosistemi.

E’ stato l’assessore all’Ambiente a consegnare alle classi delle scuole primarie Carlo Collodi di Mercatale, Niccolò Machiavelli di San Casciano e Gianni Rodari di Cerbaia, un buon numero di “polpette di fiori”. Le polpette, composte da semi e argilla, preparate dall’associazione Sant’Angelo APS cooperativa agricola biologica, sono state poi lanciate nei giardini scolastici da studenti e insegnanti. Una pratica che nasce nei paesi nordici e che il Comune Val di Pesa ha voluto replicare. 

“Penso che non ci sia cosa più bella e importante di dare spazio a queste iniziative – spiega il sindaco di Roberto Ciappi -. Sono piccoli gesti, ma è un modo per educare le nuove generazioni. Sensibilizzare significa creare legami a dove si abita, a vedere le conseguenze delle proprie azioni. In questo caso ad un'azione positiva corrisponde una conseguenza positiva, ed è questo che vogliamo far capire ai bambini e ai ragazzi”. 

Attività che ad una prima occhiata possono sembrare improduttive, ma che in realtà sono la base per le piccole amministrazioni per provare a fare qualcosa di più grande. “Credo che quando si parla di ambiente ci siano sempre due binari. Uno è quello della sensibilizzazione e della consapevolezza. Un paese composto da tante comunità che hanno a cuore determinati elementi, è un paese che rema in maniera compatta in un senso unico. Dall'altra parte ci sono tante azioni concrete, come il miglioramento energetico e la riduzione dell'inquinamento. Non dobbiamo più pensare al miglioramento energetico solo come un modo per risparmiare. Sì, è anche quello. Ma dobbiamo invertire il pensiero, ovvero "lo faccio perché voglio inquinare meno", e la scuola sotto questo punto di vista può essere un veicolo fondamentale”. 

E proprio in quest'ottica il Comune di San Casciano ha lanciato quest'anno un'altra attività per far capire ai bambini la cura dell'ambiente, come il Pedibus, che consiste nell'andare a scuola a piedi (accompagnati da dei volontari) per non utilizzare i mezzi privati. Risposte dirette per cercare di ridurre l'inquinamento e allo stesso tempo avere un risvolto sociale e culturale per i cittadini di domani. “Loro sono gli unici in grado di poter salvare questo pianeta – conclude il sindaco -. Purtroppo se siamo in questa situazione è colpa nostra, non certo loro. Noi vecchie generazioni siamo andati oltre, ma io sono fiducioso, perché li vedo più consapevoli e possono insegnare qualcosa anche a noi genitori”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Studenti lanciano polpette di fiori per salvare le api: “Le nuove generazioni più consapevoli di noi adulti”

FirenzeToday è in caricamento