menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La ricetta del Baccalà alla livornese

Come fare il gustoso baccalà alla livornese

Furono i pescatori baschi del '400 ad accorgersi per primi che l'unico modo per conservare a bordo delle baleniere il prezioso merluzzo era quello di metterlo sotto sale. Un sistema che si è poi progressivamente diffuso in tutto il mondo.

Il baccalà si cucina un po' in tutta la Toscana: esiste, infatti, anche la variante carrarina, grossetana e maremmana. La versione più gustosa e celebre, però, è quella livornese (spesso descritta anche come "alla fiorentina"), sebbene lungo al costa si preferisca talvolta lo stoccafisso ed esistano diversi procedimenti di cottura.

Ingredienti per 4 persone

  • 800 gr di baccalà già ammollato
  • 500 gr di pomodori pelati
  • 1 cipolla
  • Aglio
  • Prezzemolo
  • Salvia o rosmarino
  • Farina
  • Olio extravergine d'oliva
  • Sale e pepe q.b.

Ricetta del baccalà alla Livornese

Pulite il baccalà togliendo la pelle e le lische, quindi tagliatelo a pezzi. Infarinateli e friggeteli in poco olio con uno spicchio d'aglio e qualche foglia di salvia o rosmarino (in alcune varianti si usa al posto di questi il finocchietto). Scolatelo e asciugatelo con della carta da cucina.

Fate rosolare in una teglia 8 cucchiai d'olio l'aglio tritato e la cipolla affettata sottile. Appena la cipolla comincia ad appassire aggiungete i pomodori, sale, pepe e fate cuocere il tutto per circa 20 minuti. Infine, aggiungete il baccalà nella salsa ottenuta e cuocete per altri 10 minuti. Servite con una spolverata di prezzemolo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento