rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
social

Presepi da vedere in Toscana: l'occasione giusta per una gita fuori porta

Alcuni dei presepi che ogni Natale vengono allestiti in Toscana

In queste vacanze natalizie chi vuole fare delle gite fuori porta può sfruttare l'occasione per visitare alcuni dei presepi più belli e caratteristici della Toscana

Presepe Artistico Petroio a Vinci

Unico nel suo genere, collocato in una collina naturale, il Presepe artistico di Petroio è uno dei più suggestivi presepi con oltre 100 personaggi in movimento. Fino al 16 gennaio 2022 sarà possibile visitarlo nei giorni feriali 14.30-19.00; festivi e prefestivi 9.30-19.30.

"Il Paese dei Presepi" a Saertano

Duecento opere d'arte uniche, provenienti da ogni angolo dei cinque continenti, realizzate utilizzando le più diverse ed originali tecniche artistiche. "Il paese dei Presepi, l'Arte nella Natività" è giunto alla quarta edizione dopo lo stop dovuto al covid dello scorso anno. Il paese in provincia di Siena si è posta l'ambizione di diventare il punto di riferimento per i tantissimi amanti della natività e mettendo a punto un programma di eventi natalizi con un mese di iniziative realizzate insieme, unendo le forze e la creatività di tutte le associazioni della cittadina.

La mostra itinerante dei Presepi dal Mondo sarà aperta dall’8 dicembre 2021 al 6 gennaio 2022, ad ingresso gratuito, tutti i giorni feriali (esclusi i lunedì) dalle 16.00 alle 19.00 e i festivi dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 19.00. L’intero calendario degli appuntamenti è reperibile sul sito www.sarteanoliving.com. Per informazioni: 0578269204 oppure 3336186737.

Nel fine settimana di Natale a Sarteano sono in programma altri appuntamenti con l'apertura anche dei presepi da parte delle cinque Contrade, l'arrivo di Babbo Natale e la tradizionale accensione della pira di legna in piazza.

A questo sito il programma completo: https://www.sarteanoliving.it/it/.

Presepe di Cigoli

Tra i presepi da vedere c'è sicuramente quello artistico di Cigoli, frazione di San Miniato. Qui, nel medievale Santuario della Madre dei Bambini, si può ammirare uno dei presepi più longevi (questa è la ventesima edizione), ma al contempo più innovativi della Toscana. Sì, perché la sua caratteristica è quella di rinnovarsi ogni anno con dettagli e tecnologie introdotte da costruttore e ideatori. Sarà un vero e proprio tuffo nelle atmosfere della Terra Santa di 2000 anni fa, estese su una superficie di circa 100 metri quadri. Il presepe sarà visitabile fino al 9 gennaio 2022.

La Via dei Presepi a Castelfiorentino

La Via dei Presepi a Castelfiorentino anche quest’anno conferma la sua presenza nel centro storico alto nel rispetto delle norme di prevenzione dal Covid 19. Decine di presepi artistici e artigianali faranno così la loro comparsa nelle vie principali del paese alto, organizzati dall’Associazione “All’Ombra di Membrino” che per il secondo anno consecutivo ha prestato alcuni personaggi a grandezza naturale per consentire un allestimento speciale sul Palazzo della Misericordia, intendendo così diffondere il messaggio dell’Avvento anche nella parte bassa. Fra le novità di questa edizione spicca, in modo particolare, il potenziamento del “Presepe luminoso” allestito alla Pieve di Sant’Ippolito, attraverso circa venticinque installazioni in grado di conferire al “Parco Piovanelli” un’atmosfera davvero suggestiva.

Il presepe nel cuore caldo della Toscana

Insieme alle spettacolari scenografie natalizie sulla torre di raffreddamento della centrale geotermica di Monterotondo Marittimo e alle proiezioni dantesche di Inferno, Purgatorio e Paradiso sui refrigeranti di Larderello, in occasione dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, anche il suggestivo Presepe allestito dall’Associazione La Fumarola all’interno del Parco delle Fumarole Enel Green Power, a Sasso Pisano nel territorio comunale di Castelnuovo Val di Cecina.

Dal cuore caldo della Toscana le statue del Presepe, avvolte dai vapori e dalle putizze che fuoriescono dalle manifestazioni naturali di uno dei parchi più caratteristici della regione, lanciano un messaggio di profondità, di pace e di speranza in un’atmosfera quasi mistica per lo scenario naturale che la contraddistingue.

Vi segnaliamo la pagina Facebook dell'Associazione: https://www.facebook.com/lafumarola.

La Via dei Presepi di Cerreto Guidi

Anche Cerreto Guidi è tornata ad ospitare la sua Via dei presepi. Sono circa 50 presepi allestiti si trovano nel centro storico, nella Villa Medicea, nella Palazzina dei Cacciatori e in alcuni fondi del centro storico. Oltre al conosciutissimo Presepe all’uncinetto di Gessica Mancini e ai lavori dei presepisti storici Fabio Bandini, Giuseppe Landi e Ermindo Michetti, all'interno della Palazzina dei Cacciatori è collocato il grande diorama di Sandro Nardini, artista di Sovigliana che fa parte dell’Associazione Amici del Presepio della sede di Firenze e di Prato.

I presepi da visitare a Firenze

Ai piedi della basilica di San Lorenzo è tornato, con la quinta edizione, il presepe firmato dai Sopravvissuti del San Lorenzo, un'associazione composta da ambulanti e commercianti che si battono per la riqualifica del rione. Quest'anno la scena della Natività rende omaggio a tutto il comparto sanitario “che si è distinto per il forte spirito di sacrificio in questi due anni di pandemia".

Medici, infermieri e malati di un reparto Covid, "La Porta di Lampedusa" e un presepe meccanico ambientato in Palestina: il Rivoli Boutique Hotel di via della Scala a Firenze ospita i presepi d'artista. Le opere saranno visibili fino al 6 gennaio. Tra le eleganti sale dell'ex convento francescano risalente al XIV secolo, nel consueto appuntamento natalizio trovano posto circa trenta presepi, realizzati da Claudio Ladurini, artista originario di Fiumalbo, che celebra la nascita di Gesù con ricostruzioni minuziose, grandi o piccole, per raccontare e far riflettere, unendo al tradizione a riferimenti di attualità. Tra le rappresentazioni c'è anche un presepe meccanico ambientato in Palestina, e quelli, già proposti in passate edizioni, con Papa Francesco, su Marte, e con il Ponte Morandi.

Per l'undicesimo anno consecutivo sul sagrato del Duomo di Firenze sarà visibile il presepe con statue in terracotta a grandezza naturale, pezzi unici realizzati a mano da un artigiano di una storica fornace dell’Impruneta. Il presepe si arricchisce anche quest'anno di una nuova scultura, un pastore, che si aggiunge a quelle che rappresentano la Sacra Famiglia, un angelo, il bue, l'asinello, una pastorella e due pecorelle, donate all’Opera di Santa Maria del Fiore e realizzate da Luigi Mariani della fornace imprunetina M.i.t.a.l.. Anche all'interno della Cattedrale sarà realizzato un presepe visibile dal 14 di dicembre.

A Villa La Quiete è visitabile uno dei presepi più antichi della città. A partire da dicembre tornano alla villa le visite guidate che accompagneranno i visitatori anche al presepe testimonianza artistica dell’attività scultorea di artigiani toscani del XVIII secolo, il Presepe riporta gli elementi più interessanti del genere artistico legato alla costruzione scenografica della nascita di Gesù: le stoffe pregiate (seta e velluto) che rivestono i personaggi della scena, l’attenzione verso il dettaglio decorativo, la manifestazione dei sentimenti di stupore e ammirazione di fronte alla scena sacra.

Le visite si terranno alle ore 11 nei seguenti giorni: 18, 19, 28, 29 dicembre; 5, 8, 9, 15, 16, 22, 23, 29, 30 gennaio. La Villa è visitabile solo con visita guidata: l'ingresso è gratuito, il costo della visita guidata è di 5 euro a persona. È necessaria la prenotazione sul sito: https://www.sma.unifi.it/art-412-riapre-villa-la-quiete-con-visite-al-presepe-storico.html.

Il “Presepe d'autore” di Villa Arrivabene è uno dei più originali della città, questo è il settimo anno in cui viene allestito il grande presepe nel giardino della villa con le sagome di legno dipinte dagli artisti del Gruppo Donatello, figure che rappresentano i personaggi classici della tradizione del Natale insieme a figure che riproducono persone reali del quartiere, come commercianti, professionisti e artigiani. Come ogni anno il presepe è illuminato dagli impianti allestiti da Silfi, che provvederà anche all’illuminazione del grande albero del giardino sul lato di via Gioberti. Sulla facciata della villa, infine, sarà proiettata l’immagine della stella cometa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presepi da vedere in Toscana: l'occasione giusta per una gita fuori porta

FirenzeToday è in caricamento