rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
social

Pitti Uomo alla Fortezza da Basso, ma senza vip e con alcuni eventi rimandati

Da oggi fino al 13 gennaio la Fortezza da Basso ospiterà la crème de la crème dell'alta moda tra innovazione e grandi classici

Pitti Uomo da oggi porta la moda in città per tre giorni. La Fortezza da Basso torna ad ospitare gonne, giacche, scarpe, borse e cravatte d'alta moda, ma tra gli stand, non mancheranno neanche gli stimolatori sessuali di Lelo che approdarono alla fortificazione medicea nel 2020. Gli espositori in totale saranno 610, a giugno 2021 erano 315.

La moda non si ferma, ma la variante Omicron ha messo in difficoltà buyer e visitatori stranieri, le misure di sicurezza comprendono anche un massimo di visitatori per i padiglioni e ovviamente il green pass. Alcuni degli eventi sono stati cancellati come ad esempio quello di Caruso al Museo Marino Marini, quello di Ann Demelemeester, la special guest dell'edizione 101 di Pitti Uomo, che è stata rimandata a Pitti Uomo 102 e la rinuncia di Brunello Cucinelli (che è arrivata poco dopo la cancellazione delle sfilate di Giorgio Armani).

Pitti Uomo, le nuove misure di sicurezza

La più grande limitazione è quella a cui sono sottoposti visitatori e compratori, infatti dalla Cina, Corea e Giappone non arriveranno buyer, a dirlo è stato l'ad di Pitti Immagine Raffaello Napoleone all'Ansa: "Dall'America invece dipende dalla policy delle diverse aziende, alcune non permettono ai propri dipendenti di viaggiare in questa situazione". Grandi assenti anche i vip che ogni facevano da testimonial per i brand presenti in Fortezza.

Il tema dell'edizione 101

l tema di questa prima edizione di Pitti Uomo 2022 è "Reflections" ovvero riflessi - anche il festival delle luci F-Light ha scelto il medesimo tema - intesi "Nella duplice accezione di superficie specchiante e di processo mentale che pensa, analizza ed elabora, Reflections incarna la volontà di interrogarsi, di andare alla ricerca di ciò che ancora non è stato svelato" ha spiegato Agostino Poletto, direttore generale di Pitti Immagine. "Lo specchio in fondo è il nostro alter ego, è uno strumento di indagine attraverso il quale scrutare noi stessi, la nostra immagine e il mondo intorno a noi".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pitti Uomo alla Fortezza da Basso, ma senza vip e con alcuni eventi rimandati

FirenzeToday è in caricamento