Gigante, il testo della canzone di Sanremo di Piero Pelù

Il rocker fiorentino per la prima volta salirà sul palco dell'Ariston

Piero Pelù al Festival di Sanremo, foto dal profilo Facebook

Piero Pelù per la prima volta sul palco dell'Ariston con una canzone dedicata ai suoi nipoti. Gigante è un pezzo rock ed elettronico per chi arriva al mondo per la prima volta, ma anche per chi lotta in cerca di una rinascita liberandosi dalle catene di un passato difficile.

Il brano fa parte di un nuovo disco di inediti, 'Pugili fragili', in uscita il 21 febbraio, con cui festeggia i 40 anni di carriera. Ventesimo lavoro in studio tra Litfiba e Piero solista. 

A Sanremo Pelù porterà avanti anche il suo impegno ambientale: mercoledì 5 febbraio, alle 11, sarà sulla spiaggia di Bussana per la raccolta di plastiche e microplastiche spiaggiate. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Piero Pelù a Sanremo 2020 con 'Gigante': testo

Spingi forte spingi forte salta fuori da quel buio
Crescerai aprendo porte tutti i giorni stare pronti
Tu sei molto di più di quello che credi di quello che vedi
Tu sei il mio Gesù la luce sul nulla, un piccolo Buddha
Niente di proibito tu sei benvenuto al mondo mondo
È come una giostra la mente
Tu sei il re di tutto e di niente gigante
Niente di proibito sei pronto a cavalcare il mondo? Mondo
Fatti il tuo castello volante
Con la fantasia di un bambino, gigante
Cavalcare draghi e mostri già ti penso dacci dentro
È un mestiere che conosco tutti i giorni stare pronti
Tu sei molto di più di quello che credi di quello che vedi
Tu sei il mio Gesù la luce sul nulla mio piccolo Buddha
Niente di proibito tu sei benvenuto al mondo, mondo
È come una giostra la mente
Tu sei il re di tutto e di niente, gigante
Niente di proibito sei pronto a cavalcare il mondo, mondo
Fatti il tuo castello volante
Con la fantasia di un bambino, gigante
Tu sei molto di più di quello che vedi di quello che credi
Sei il mio asso
Tu sei il mio Gesù la luce sul nulla mio piccolo Buddha
Il tuo non è un pianto è il tuo primo canto ehi!
Oh eh oh eh
Niente di proibito tu sei benvenuto al mondo, mondo
È come una giostra la mente
Tu sei il re di tutto e di niente, gigante
Spacca l’infinito e rubagli un minuto al mondo, mondo
Per fare un castello volante
Con la fantasia di un bambino, gigante
Gigante

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente lungo la linea 1: camion si schianta sulla tramvia / FOTO

  • Santa Maria Novella: ragazzina presa a schiaffi e rapinata alla fermata dalla tramvia

  • Natalie Portman, lettera d'amore a Firenze: "La magia delle celle dei frati affrescate a San Marco, il gelato e..."

  • Scosse di terremoto nel Fiorentino

  • Palazzo Vecchio senza soldi, Nardella: “Vado a cercarli in Cina”

  • Rissa all'Isolotto: resa dei conti in strada

Torna su
FirenzeToday è in caricamento