In piazza Pier Vettori piantati 23 alberi

Donati dalla Compagnia di Babbo Natale

La piantumazione (credits by Presidente Dormentoni)

Piazza Pier Vettori si arricchisce con 23 nuovi alberi donati dalla Compagnia di Babbo Natale. Alla messa a dimora di tigli, aceri e clerodendri hanno partecipato questa mattina l’assessore all’Ambiente Cecilia Del Re, il presidente del Quartiere 4 Mirko Dormentoni e una classe dell’istituto Petrarca. “Una piazza pronta a rinascere insieme a una parte del suo patrimonio arboreo – hanno detto gli assessori all’Ambiente Cecilia Del Re e all’Educazione Sara Funaro -: un patrimonio che oggi si rinnova grazie anche al dono della Compagnia di Babbo Natale. Un gesto di attenzione verso la nostra città per lasciare a chi verrà dopo di noi una Firenze sempre più verde. Per questo, abbiamo voluto con noi i bambini della vicina scuola Petrarca: perché possano comprendere quanto sia importante mettere a dimora nuovi alberi, e anche manutenere e controllare quelli esistenti”.

“Accogliamo con gioia l'iniziativa della Compagnia di Babbo Natale – ha detto il presidente Dormentoni -. Siamo alla fine dei lavori di riqualificazione di una delle nostre due piazze principali, cui siamo arrivati anche tramite un percorso partecipativo. E oggi, dopo i necessari abbattimenti delle piante pericolose, si realizza l'incremento del patrimonio arboreo della piazza tramite un atto di partecipazione attiva”.

Nel dettaglio, sono stati piantati 10 tigli nostrani (tilia plathyphyllos) lungo il contorno perimetrale della piazza, quattro aceri del tipo ‘X freemani Autumn Blaze’ nell’area centrale e nove clerodendri della specie Trichotomum lungo la fascia semicircolare interna della piazza. Le nuove piantagioni si inseriscono negli interventi in corso per la riqualificazione della piazza. Il progetto complessivo prevede la risistemazione della sosta lungo il perimetro semicircolare della piazza e la riunificazione degli attuali quarti di cerchio in un’unica ampia area alberata. Altri punti qualificanti dei lavori sono una nuova pavimentazione in conglomerato artistico, nuovi arredi, illuminazione, giochi per bambini e la predisposizione di attacchi per una futura area mercatale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Compagnia di Babbo Natale è stata fondata nel 2007 riunendo circa trenta amici con l’obiettivo di promuovere un’azione comune a sostegno di chi si trova in stato di sofferenza. Nel corso degli anni, i Babbi Natale che hanno deciso di far parte della Compagnia sono diventati più di 150, sempre con il desiderio di mettersi in gioco travestendosi da Babbo Natale in alcune iniziative benefiche, per aiutare i bambini che vivono uno stato di bisogno. La Compagnia destina annualmente gran parte del denaro raccolto direttamente alle famiglie bisognose e in parte anche a enti che sostengono progetti comuni a favore dei più disagiati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Ministero e Iss: "Toscana a rischio lockdown, è nello scenario 3". Ipotesi chiusure scuole e tutte attività sociali, culturali e sportive

  • Coronavirus, verso un nuovo Dpcm: ipotesi 'coprifuoco' alle 22 ovunque

  • Coronavirus: nuovo Dpcm nelle prossime ore. Verso la chiusura di palestre e centri estetici, confermato il "coprifuoco"

  • Coronavirus, impennata di nuovi casi: 755 in Toscana 263 a Firenze  

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Coronavirus, Careggi torna al lockdown: stop alle visite dei parenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento