Odoardo Spadaro: oggi moriva il cantante di "La porti un bacione a Firenze"

Oggi l'anniversario della morte

Oggi nel 1965 moriva Odoardo Spadaro, cantante che con le sue canzoni ha fatto sognare Firenze e l'Italia. Tra le sue composizioni più famose La porti un bacione a Firenze. Spadaro è considerato uno dei primi cantautori italiani, ma fu anche un importante interprete di teatro vernacolare fiorentino nonchè attore cinematografico e televisivo.

Negli anni '20 si trasferì a Parigi per esibirsi al Moulin Rouge, ma furono gli anni '30 a trasformarlo in una star internazionale, grazie alla tournèe di successo nelle due Americhe e nell'Africa Settentrionale.

Proprio negli anni Trenta durante e dopo il tour Spadaro attraversò il suo periodo più prolifico: scrisse e musicò molte canzoni dedicate o ambientate a Firenze. A renderle uniche il tipico umorismo toscano: scanzonato e arguto. Tra i suoi brani più conosciuti ricordiamo Firenze (1930), Il Cappello di Paglia di Firenze (1935) e Rumba fiorentina (1938), A me piace la testina di vitello e Il valzer della povera gente (1938).

Il 26 giugno del '65 si trovava a Careggi quando morì, al suo funerale fu intonata La porti un bacione a Firenze. Per rendergli omaggio la Città gli ha intitolato una via e nel quarantesimo anniversario della sua morte è stata apposta una targa sulla facciata della sua abitazione in via Luca Landucci.

È sepolto al Cimitero delle Porte Sante di Firenze.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il testo di La porti un bacione a Firenze

Partiva una mattina co'i' vapore
'gli era un signore d'una certa età
Vedendolo gli fo: Scusi signore!
Perdoni, l'è di' ffiore, sì lo so
Lei torna a casa lieto, ben lo vedo
ed un favore piccolo le chiedo
La porti un bacione a Firenze,
che l'è la mia città
che in cuore ho sempre qui
La porti un bacione a Firenze,
lavoro solo per rivederla un dì
Son figlia d'emigrante,
per questo son distante,
lavoro perché un giorno a casa tornerò
La porti un bacione a Firenze:
se la rivedo glielo renderò
E quel signore m'ha risposto allora
Il tuo bacione a'ccasa porterò
e per tranquillità sin da quest'ora,
in viaggio chiuso a chiave lo terrò
Ma appena giunto a'ccasa te lo giuro,
il bacio verso i'ccielo andrà sicuro
Io porto il tuo bacio a Firenze
che l'è la tua città
anche l'è di me
Io porto il tuo bacio a Firenze
nè mai, giammai potrò scordarmi te
Sei figlia d'emigrante,
per questo sei distante,
ma stà sicura un giorno a'ccasa tornerai
Io porto il tuo bacio a Firenze
e da Firenze tanti baci avrai
L'è vera questa storia e se l'un fosse
la fo passar per vera sol perché,
so bene e'lucciconi e quanta tosse
gli ha chi distante dalla Patria egli è
Così ogni fiorentino ch'è lontano,
vedendoti partir ti dirà piano:
La porti un bacione a Firenze
gli è tanto che un ci vò;
ci crede? Più un ci stò!
La porti un bacione a Firenze
un vedo l'ora quando tornerò
La nostra cittadina
pettegola e carina,
la ci ha tant'anni eppure
la un n'invecchia mai
La porti un bacione a Firenze
e a tutti i fiorentini che vedrà

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caldo torrido su Firenze: tre giorni di allerta meteo

  • Incendio in fabbrica a Mantignano: colonna di fumo sulla città / FOTO

  • I turisti non tornano, i residenti se ne vanno: Firenze è sempre più vuota

  • Coronavirus: 217 in quarantena per l'ultimo focolaio

  • Coronavirus: impennata di nuovi casi, cluster di giovani

  • Caffè Rivoire, nuovo proprietario: "Ne farò un brand internazionale da esportare nei luxury mall"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento