menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rina Chiarini e Remo Scappini, il murale a Empoli

Empoli dedica a due concittadini, protagonisti dell'antifascismo, della deportazione, della Resistenza e della ricostruzione democratica il suo primo murale realizzato dall'artista Ligama

Nel piazzale del terminal bus di Empoli, in piazza della stazione, è stato inaugurato il grande murale, a firma dell’artista Ligama, dedicato a due concittadini, protagonisti del antifascismo, della deportazione, della Resistenza e della ricostruzione democratica: Rina Chiarini, detta Clara, e Remo Scappini, detto Giovanni.

All’evento hanno partecipato con emozione i familiari, Tania Scappini, nipote di Remo, e Valerio e Carlo Chiarini, nipoti di Rina, che hanno donato anche il libro che racconta la vita della coppia.

Con loro Alessio Mantellassi, presidente del Consiglio Comunale di Empoli con delega alla Cultura della Memoria, che ha voluto quest’opera, insieme allo street artist LiGaMa (Salvo Ligama).

L’opera è stata seguita passo dopo passo nei giorni della sua realizzazione. Essa fa parte di un percorso sui temi della resistenza da rilanciare anche come innovazione. L’obiettivo di questo primo, e non ultimo, grande lavoro, è quello di suscitare curiosità, anche e soprattutto partendo dai cittadini più giovani, alimentando un circuito di curiosa conoscenza.

Alessio Mantellassi, presidente del Consiglio Comunale di Empoli con delega alla cultura della memoria ha descritto il momento di stamattina con queste parole.

Inaugurazione_murales_terminal_bus-70-2

"Stamani possiamo mostrare quello che è il lavoro di Ligama, un artista conosciuto in tutta Italia, che ha realizzato il primo murales cittadino, fatto da un professionista. Abbiamo voluto dedicarlo ai temi della memoria per ricordare due figure importante della nostra città, affinché in qualche modo possa suscitare curiosità nella conoscenza. Siamo in un luogo di passaggio, un’area transitata. C’è anche un motivo ideale, dietro a questo palazzo c’è il terminal bus, dedicato a Peppino Impastato, un uomo di libertà e di coraggio, su temi diversi per motivi diversi ma comunque un uomo di libertà e coraggio, come lo sono stati Rina e Remo. Poi questa piazza è intitolata a don Giovanni Minzoni che fu un sacerdote antifascista quindi penso che Rina e Remo in questo incrocio di valori ci stiano perfettamente".

"É un riconoscimento importante verso queste due persone che hanno speso la vita per cercare di costruire un mondo migliore - ha commentato il nipote di Rina, Valerio Chiarini -. Io vorrei ringraziare davvero l’amministrazione comunale per la sensibilità che ha dimostrato e l’artista, la cui sensibilità si vede nei ritratti di Rina e Remo. Un omaggio che noi familiari abbiamo gradito particolarmente. Rina era una zia che mi ha insegnato a stare al mondo, mi ha insegnato tante cose e la ringrazio per questo. Mi ha insegnato la tolleranza, mi ha insegnato la democrazia, una maestra di vita. Il murale è una testimonianza che serve particolarmente alle generazioni future".

"Non tutti hanno avuto la fortuna di poterli conoscere - ha spiegato Tania Scappini, la nipote di Remo - e domandando chi sono conosceranno la loro storia. Sono state persone che hanno vissuto tranquillamente la loro vita. Verranno ricordati come loro meritano. Era il fratello di mio babbo, era lo zio che sentiva tutte le mie parole perché lui stava sempre ad ascoltare e sin da bambina aspettavo il momento che mi venisse a prendere per portarmi con lui a Bari per un mese. E’ stata una persona che ha segnato la mia vita".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento