rotate-mobile
Venerdì, 26 Novembre 2021
social

I migliori Street food di Firenze secondo il Gambero Rosso

Ecco dove mangiare pasti veloci ma super gustosi: dal piatti della tradizione toscana a quelli etnici

Il Gambero Rosso ha stilato la nuova guida dedicata allo street food. In questa settima edizione sono molti i locali fiorentini segnalati nella guida.

Lo street food è un fenomeno che non accenna a scemare, nonostante tutte le vicissitudini di questi ultimi mesi. Il cibo di strada è per definizione da asporto, semplice da acquistare e veloce da mangiare, quanto mai di attualità in questo momento storico. Non sono mancati momenti di difficoltà a causa dell’annullamento della primavera eventi, sagre, festival mettendo alla prova i gestori dei food truck. Ma la reazione è stata pronta e in molti hanno reagito con servizi di delivery oppure trasferendosi in grandi spazi aperti come i parchi cittadini. Quest’edizione della guida presenta le molte novità interessanti: nuovi format, locali “etnici” di ottimo livello e grandi cuochi sempre più coinvolti nel settore. Oltre al premio Street Food da Chef infatti, noterete, tra le pagine, i nomi noti che hanno aperto attività dedicate al cibo di strada.

Il vincitore della sezione street food per la Toscana è: Firenzen Noodle Bar. Uno dei premi speciali assegnati da Gambero Rosso, lo "Street food on the road", è stato assegnato a Mollica's.

“Qualità dell’offerta e tradizione: anche quest’anno presentiamo il meglio del panorama del cibo di strada italiano” dichiara Paolo Cuccia, Presidente di Gambero Rosso “Una tendenza enogastronomica in continua evoluzione che coinvolge sempre più spesso anche le cucine più rinomate con continue contaminazioni, ma senza dimenticare la nostra cultura e la nostra storia".

“Una guida che celebra uno dei patrimoni della nostra tradizione enogastronomica.” continua l’Amministratore Delegato Luigi Salerno “Un settore che si sta evolvendo anche grazie alla continua e costante attenzione ai prodotti di qualità made in Italy".

I migliori street food di Firenze

‘Ino
via dei Georgofili, 3r/7r
TEL. 055214154
www.inofirenze.com

Alessandro Frassica (‘Ino) apre la sua bottega (recentemente rinnovata) nel 2006, ed è a buon titolo considerato un pioniere del “panino d’autore”. Ogni volta è una gioia scoprire gli originali accostamenti che impreziosiscono schiacciate o due fette di pane. È campione nello scovare in tutta Italia formaggi, salumi, salse e condimenti di primissima qualità, sa sempre trovare la migliore combinazione e suggerire il giusto bicchiere di vino o la birra artigianale. Scaffali e banco sono poi un tripudio di chicche da acquistare (una selezione nello shop online). Bella novità l’orto coltivato direttamente, da cui arrivano le verdure fresche.

Arà: è Sicilia
via degli Alfani, 127r
TEL. 055292548 
www.araesicilia.it

È un baluardo di specialità targate Sicilia l’insegna di Carmelo Pannocchietti, isolano doc. Sia nel localino a due passi dall’Accademia, ritagliato per un consumo veloce, che nel bistrot di via Carducci, con posti all’interno e nel dehors (e una buona scelta di vini e birre), troverete un bel repertorio delle tipiche delizie di cucina di strada. Sbizzarritevi tra arancini, anche insoliti (da provare alla Norma, ma ci sono pure al nero di seppia, agli spinaci, alle sarde), scacce, pizzole, calzoni, sfincioni e panelle. Per gli amanti dei dolci cannoli, cassate, granite e gelato.

Aurelio I’ Re Del Lampredotto
p.zza B. Tanucci
TEL. 3331003967 
www.aureliolampredotto.it
LAMPREDOTTO

In questo storico chiosco su ruote, collocato in una piazza alberata del quartiere Romito, ogni fase della cottura del lampredotto è realizzata con esperienza e massima cura. È imperdibile, da gustare in ottimi panini nella versione classica o in quelle più particolari (in zimino, alla carbonara, con carciofi, con la ‘nduja), ma non lasciatevi scappare nemmeno gli altri grandi classici (trippa su tutti, ma anche stracotto di guancia, peposo, bollito misto), la porchetta e le salsicce alla griglia.

Il Cernacchio
via della Condotta, 38r
TEL. 055294119 
www.ilcernacchio.com
PANINI

Cambio di nome e al timone per questo locale dietro piazza della Signoria, un posticino dove fermarsi per gustare i
classici della cucina toscana come lampredotto, trippa, peposo, porchetta serviti dentro la tipica rosetta (da provare anche il gustoso panino con polpette di manzo al sugo). Oppure le schiacciate calde, riempite in una ventina di modi diversi, soprattutto con salumi e formaggi del territorio e condite con salse e verdure (per i vegetariani c’è la Campagnola). C’è anche una buona selezione di prodotti tipici da acquisto e la possibilità, oltre all’asporto, di consegne a domicilio.

La Divina Pizza
via Borgo Allegri, 50r
TEL. 0552347498 
www.ladivinapizza.it
PIZZA

Graziano Monogrammi è un grande interprete della pizza d’autore e un instancabile ricercatore. Col fondamentale supporto della compagna Roberta, le farine macinate a pietra, il lievito madre vivo e gli ingredienti di prima scelta diventano il preludio di basi meravigliose e combinazioni sempre felici. Si sceglie tra pizze alla pala (ottima con cipolla cotta nel Chianti e gorgonzola d’alpeggio), le farcite (indimenticabile quella con peperone, spianata calabra e scamorza affumicata) e tonde al piatto. Ricordate pure il pane e un assaggio di cecina. Servizi delivery e take away.

Fast Sud
p.zza della Libertà ang. via Pier Capponi, 34R
TEL. 055584755 
www.fastsud.com
PANINI

Preparazioni espresse con materie prime selezionate rigorosamente meridionali che richiamano le radici delle ideatrici del format. In questo gradevole localino la scelta è tra pancake, hot dog, mozzaburger, focacce pugliesi o farcite in mille modi, taglieri, insalate, piatti vegetariani e veg. E pucce ripiene, accompagnate da chips di patate salentine. Da bere succhi e bibite bio, vini e birre (del sud). Forte l’attenzione alla sostenibilità (dal packaging alle opzioni bio fino allo smaltimento dei rifiuti). Bella scelta di chicche difficilmente reperibili altrove. Delivery da piattaforme e take away.

Firenzen Noodle Bar
via Guelfa, 3
TEL. 0559062056
www.firenzen.it
ETNICO

Un piccolo locale in centro e poi un food truck che gira fuori città soprattutto in occasione di eventi. La variegata proposta di cucina giapponese, cinese e thai nasce dall’amore che Teresa, di origini orientali, ha sempre avuto per questa città. Nel nome dell’insegna tutto il senso e la filosofia dell’impresa avviata pochi anni fa. Ottimo il gua bao, panino al vapore tipico taiwanese, farcito con porchetta a lunga cottura arricchita da 17 spezie o con tempura di capesante. Buoni i ravioli artigianali, anche gluten free; gustosi i takoyaki, polpette di polpo giapponesi.

I Fratellini
via dei Cimatori, 38r
TEL. 0552396096
www.iduefratellini.it
PANINI

Armando e Michele Perrino gestiscono ormai da una ventina d’anni questo minuscolo locale nato nel 1875 dove oltre a loro, al bancone, agli scaffali pieni di bottiglie non c’è spazio: si ordina e si mangia all’aperto. I vinaini un tempo erano così, posticini dove si trovavano panini, uova sode, acciughe e poco altro da accompagnare con vino servito nel tipico gottino. L’ampia scelta di panini, con salumi e formaggi di qualità di piccoli produttori toscani, li confermano un riferimento per residenti e turisti in cerca di qualcosa di veloce, ma soprattutto buono e dai sapori veraci.

Il Gusto Dim Sum 
v.le Fratelli Rosselli, 39r
TEL. 3209681806
www.ilgustodimsumfirenze.com
ETNICO 

Il dim sum è un tipo di cucina della Cina meridionale. Ad opera di Lapo Bandinelli, Liu Xinge e della chef Zhang si traduce qui in piatti della tradizione popolare modulati con ingredienti europei. Ed ecco quindi lo sheng jian bao, preparazione simbolo dello street food di Shangai, che qui ha la doppia cottura, prima passato in padella con l’olio e poi cotto al vapore come vuole la tradizione, dall’appetitosa croccantezza,  necessaria a contenere i diversi mix in cui viene proposto (maiale e riccio di mare, maiale e foie gras, maiale e capesante, maiale e tartufo, oppure quelli con curry in stile giapponese). Molte altre le specialità preparate con prodotti genuini e di filiera corta.

I’Trippaio di Firenze
via V. Gioberti, 133r
TEL. 3358216880 CHIUSO domenica
LAMPREDOTTO

Una preparazione mitica quella del lampredotto, ben radicata nella cultura e nella storia fiorentina. Ai giorni d’oggi
uno dei trippai più frequentati della città, Marco Bolognesi, opera col suo furgone in fondo all’animata via Gioberti, quasi in piazza Beccaria. Famoso il suo mix di lingua, poppa e matrice di mucca, conosciuto come “bollito erotico”. In versione stanziale l’ Trippaio di Firenze è in via Ugo Foscolo 5/R.

Il Kiosko Easy Living
p.zza G. Poggi
TEL. 3356630341
SITO www.easylivingfirenze.it
CHIOSCO

In un giardino tra le Rampe e l’Arno, il tipico chiosco in ferro in stile parigino, conosciuto anche come “il chioschino di San Niccolò”, è il perfetto punto di incontro tra le specialità fiorentine di strada, in cui gli Eredi Nigro per tradizione di famiglia sono veri maestri, e spuntini più moderni. Così qui il lampredotto (in zimino o nel panino), il peposo, il bollito, la poppa, i nervetti in insalata, la trippa e la lingua convivono felicemente con hamburger, hot dog di Chianina, insalate e pietanze vegetariane. Ed è tutto squisito. Raccomandata la sosta al tramonto, che rende i cocktail e l’aperitivo ancora più gradevoli.

Lampredotto Tato Mario di Mario Tatini
p.zza Leon Battista Alberti
TEL. 366 4526367 
SITO www.lupenemargo.it
LAMPREDOTTO

Il lampredotto prende il nome dalla lampreda, un pesce di acqua dolce la cui bocca ricorda la forma di questa interiora che si ricava dall’abomaso, uno dei quattro stomaci dei bovini. Nel furgoncino di Mario Tatini, detto Tato, che staziona in una piazza dell’animata semiperiferia fiorentina, il lampredotto è proposto, oltre che nella maniera classica, anche in tanti modi diversi: con cotiche e fagioli, con carciofi, con porri, con broccoli, con funghi.

Lupen e Margo - Banco 75
via dell’Ariento - Mercato Centrale di San Lorenzo
TEL. 3664526367
SITO www.lupenemargo.it
LAMPREDOTTO

Più della bistecca, più della pappa al pomodoro, più della ribollita, il lampredotto, complice la sua fruibilità, è a
Firenze un piatto molto amato. Tra le bancarelle del mercato di San Lorenzo il chiosco di Beatrice Torrini, una delle interpreti più famose - e simpatiche - della tradizione del quinto quarto, lo propone nella maniera più ortodossa. Quindi lampredotto bollito, trippa alla fiorentina, bollito misto, sia nel panino che nel vassoio. Un successo che dura da vent’anni, sancito da turisti e assidui frequentatori.

Panificio Maddaloni
via V. Gioberti, 18
TEL. 055670404 
TAVOLA CALDA

Gli amanti delle delizie campane troveranno grande soddisfazione in questo panificio che sforna pane a lievitazione naturale, dolci tipici del sud - pastiera, babà, sfogliatelle, zeppole e cannoli - e tantissime preparazioni per uno spuntino o un pasto completo. Accanto ai primi e ai secondi piatti da asporto, riscuotono molto successo i taralli, le focacce e le pizze più tradizionali. Apprezzatissima la pizza di scarola, una pasta di farina, acqua e lievito che racchiude un ripieno di scarola soffritta aglio e olio, olive nere, capperi, pinoli, uva passa e acciughe sotto sale. Nel banco frigo mozzarelle di bufala e zizzone di Battipaglia.

Mercato Centrale Firenze
p.zza del Mercato Centrale - via dell’Ariento
SITO www.mercatocentrale.it
MERCATI

Nel cuore della città, il piano terra di questo iconico mercato è occupato tradizionalmente da banchi di frutta e verdura, pesce e carne, cui si sono aggiunti negli ultimi anni piccoli spazi dedicati alla cucina. Si può mangiare velocemente, approfittando dei trippai che  offrono il lampredotto e la trippa, ma anche lo stracotto di guancia, il peposo, la francesina, insieme ad altre specialità di rosticceria e dintorni. Il piano superiore, occupato dal format Mercato Centrale, è ancora chiuso nel momento in cui andiamo in stampa.

Mercato Sant’Ambrogio
p.zza L. Ghiberti
SITO www.mercatosantambrogio.it
MERCATI

C’è un po’ di tutto all’interno e all’esterno di questo che, a causa dei cambiamenti urbanistici e delle abitudini cittadine, è diventato il vero mercato dei residenti a Firenze. Così oltre a civaioli, pizzicagnoli, pesciaoli, macellai si viene qui per assaggiare i panini col lampredotto o con la francesina - il bollito ripassato in padella con pomodoro e cipolle - la trippa, i coccoli, la polenta fritta, le polpette, gli arancini, le paste al forno e molti dolci. Il sabato, all’esterno sotto le tettoie, si assaggiano gli involtini primavera e i ravioli di un food truck di cucina cinese, o panini con formaggi, porchetta e salumi.

Nerbone
Mercato Centrale di San Lorenzo
CHIUSO domenica
LAMPREDOTTO

Chi ha voglia di fiorentinità non può esimersi da una visita da Nerbone, al piano terreno del Mercato di San Lorenzo: qui si incrociano turisti e residenti, giovani e meno giovani, attratti dagli odori e dalla prospettiva di assaggiare il piatto forte di questo affollato locale: il lampredotto; lo si può mangiare nel classico panino, condito nella maniera più abituale con salsa verde e spezie, o al piatto. I tavoli sono pochi e gli avventori, in certe ore, sono tanti. Tra gli altri piatti proposti la trippa ovviamente, qualche zuppa, qualche primo, bolliti, stufati; tra questi ultimi famosissimo quello di pelliccia, con molte patate e poca ciccia, perfetta sintesi della sagacia fiorentina e della cucina povera cittadina.

Pescheria I’Cavalluccio Viola
p.zza delle Cure
TEL. 0552396189
PESCE E FRUTTI DI MARE

Il nuovo disegno della piazza e i rinnovati spazi del Mercato delle Cure hanno portato qualche cambiamento anche nelle botteghe che da un lato ne delimitano il perimetro. La pescheria, accanto alla quotidiana proposta di pescato, offre anche una buona scelta di piatti da gustare mordi e fuggi all’impiedi o da portare via, come insalata di mare, cous cous, moscardini e piselli, nasello alla livornese, cartocci di fritto e fishburger (anche in panino). Consigliati i panini con il polpo, grigliato (con mousse di avocado, pomodoro e insalata) o in umido, con salsa verde piccante. Possibilità di delivery.

Pollini
via de’ Macci (ang. Borgo la Croce)
TEL. 3347782350
LAMPREDOTTO 

Di padre in figlio: in questo caso più che un modo di dire è una fotografia autentica di un modo di tramandarsi
i trucchi del mestiere nella preparazione del lampredotto, vero simbolo della cucina fiorentina. Sempre al solito angolo, dapprima con un banchino su un’Ape e ora con un rimorchio più grande ed attrezzato, Sergio e Pier Paolo fanno ormai parte dell’immagine quotidiana del quartiere che ruota intorno al mercato di Sant’Ambrogio. Così nel corso degli anni è una certezza all’ora di pranzo vedere la fila di clienti abituali e di turisti, pronti ad assaggiare gli ottimi panini di questo che a Firenze è il mangiare di strada più tipico. L’offerta, che va avanti fino all’ora dell’aperitivo, è completata dalla trippa e dal meno consueto stracotto di guancia.

Pizza a taglio Ricciardi
via Pistoiese, 9r
TEL. 3339605205
PIZZA

Periferia nord del capoluogo toscano, strada piuttosto trafficata. L’approdo in questa piccola pizzeria al taglio regala senz’altro soddisfazione e piacere al palato. Le pizze sono proposte in molti gusti e offrono un bel colpo d’occhio colorato, allineate nelle teglie sul bancone. L’assaggio ne svela sapori e croccantezza. Dalla semplice margherita a quella con burrata e pomodoro secco, dalle bianche con patate o con verdure a quella col salame piccante o con i funghi, hanno tutte un buon equilibrio tra sapori e sostanza. Degna di merito per la soffice alveolatura la schiacciata, perfetta per smorzare l’appetito.

Semel
p.zza L. Ghiberti, 44r
PANINI

La fantasia è la principale protagonista dei panini (i semel, appunto, della tradizione fiorentina) di questo microlocale nella piazza del mercato di Sant’Ambrogio. Le farciture, infatti, sono originali e appetitose. A seconda dei giorni e delle stagioni caciucco, baccalà, aringhe, acciughe con puntarelle e arancia; se si preferisce la ciccia cinghiale, cervo, capriolo, lepre, ciuco in zimino con le melanzane. Salumi non comuni come la mortadella di cinghiale o il salame d’oca, qualche buon formaggio e addirittura i primi, sempre nel panino, come gli gnudi sulla papera o i tortelli al sugo, completano un’offerta davvero diversa dalle altre.

Street by il Vecchio e il Mare
via P. Sarpi, 2r
TEL. 0557094842
FOCACCE

Mario Cipriano, premiato pizzaiolo, è alla regia di questo locale, non lontano dagli altri da lui curati, il ristorantepizzeria Il Vecchio e il Mare e Express, dedicato al cuoppo di fritto napoletano e ad altre delizie stagionali. Questo, come recita l’insegna, è pensato proprio per il mangiare di strada all’italiana, la pizza, in tutte le sue versioni: in teglia, al vapore, in pala, senza condimenti, quindi schiacciata, vuota o farcita. E poi ancora cecina e focaccia di Recco. Gli ingredienti usati per farcire pizze e focacce sono anche in vendita. Angolo caffetteria con birra alla spina, vino e bollicine.

Foto: Firenzen Noodle Bar.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I migliori Street food di Firenze secondo il Gambero Rosso

FirenzeToday è in caricamento