rotate-mobile
social Via dell'Olmatello

A Firenze nasce il nuovo "Mercato delle opportunità", dove fare la spesa a prezzi calmierati

Adesso il mercato sarà gestito dalle Misericordie fiorentine

Comprare frutta e verdura ad un prezzo calmierato è possibile a Firenze grazie al "Mercato delle Opportunità". Questa realtà ha cambiato gestione, passando in mano al mondo delle Misericordie, per raggiungere chi ha più bisogno. Il nuovo mercato sarà gestito dal Coordinamento Misericordie Area Fiorentina ed è stato inaugurato oggi, presso il mercato ortofrutticolo di Novoli (in via dell’Olmatello). Lo scopo del progetto è anche quello di ridurre gli sprechi: tutto quello che è acquistabile al Mercato delle Opportunità era in precedenza destinato al macero.

“Realizzando questo progetto, si dà il via ad un percorso condiviso tra i vari operatori, anche commerciali, che vede come prodotto finale l’assoluta certezza che insieme si fa la differenza”, ha commentato Andrea Ceccherini, presidente del Coordinamento.

Quando è nato il progetto del Mercato delle opportunità

Il “Mercato delle opportunità” è nato nel 2006 per volontà della Mercafir, di alcuni imprenditori agroalimentari e del Comune di Firenze, con lo scopo di creare una struttura da mettere a disposizione delle persone per offrire prodotti ortofrutticoli di qualità invenduti dai grossisti durante la notte ma ancora freschi. L’iniziativa ha avuto successo (attualmente circa 600 persone nei giorni di apertura, 4.900 al mese, fanno la spesa, con oltre 4740 colli venduti) a tal punto che i soggetti attuatori hanno pensato di coinvolgere strutture caritatevoli come le Misericordie per allargare la possibilità di fruizione del mercato a tutto il mondo di coloro che a vario titolo sono in difficoltà.

Le Misericordie gestiranno il mercato attraverso un’impresa sociale, appositamente creata. Verranno poi strutturati servizi tali da permettere a tutti coloro che hanno bisogno di poter usufruire di questa opportunità.

“Con la nuova gestione ci auguriamo che possano essere sviluppate tutte le potenzialità operative sia come risultato ma anche come impegno comune di tutte le componenti” ha continuato Ceccherini. “E’ bello pensare a un mondo dove pur con tutte le diversità che lo compongono, il traguardo finale è la solidarietà. Al di là dei pensieri e orientamenti religiosi diversi, il solo tentare di cercare di riuscire a raggiungere una coesione sociale rappresenta la molla che ha spinto il Coordinamento Misericordie Area Fiorentina a partecipare alla manifestazione d’interesse proposta da Mercafir. Ci auguriamo inoltre che durante il percorso altre idee e possibilità possono scaturire, anche con l’aiuto della nostra amministrazione comunale, così da rendere patrimonio di tutti il voler essere a disposizione l’uno degli altri".

La nuova gestione

“Mercafir ha sempre creduto fermamente nel Mercato delle opportunità e nel tempo si è adoperata affinché tale attività crescesse e si sviluppasse fino a diventare quel che è oggi” ha dichiarato Giacomo Lucibello, presidente Mercafir SCPA. “In questa ottica, Mercafir ha accolto con estremo favore ed orgoglio la collaborazione con le Misericordie ed è convinta che con il supporto dei nuovi “attori” l’iniziativa possa ulteriormente svilupparsi e diventare un punto di riferimento per Firenze e la Toscana. E’ doveroso porgere un sentito ringraziamento alla Famiglia Bonechi che, in tutti questi anni, ha svolto il compito di gestore del Mercato delle Opportunità con professionalità ed abnegazione. Il Mercato delle Opportunità è un servizio tangibile per il nostro territorio, soprattutto per le persone più fragili o in difficoltà, ma non solo. La lotta allo spreco alimentare rimane uno degli obiettivi perseguiti da Mercafir e, grazie anche ai nostri operatori, continueremo ad impegnarci affinché i prodotti invenduti nelle ore notturne non vadano sprecati”. 

Si può accedere al Mercato delle Opportunità dal martedì al venerdì dalle 12.30 alle 19.

“Ringrazio la Mercafir e le Misericordie per questa iniziativa, un mercato delle opportunità che consente a ciò che sarebbe stato distrutto di avere un’utilità vera, come vediamo dai cittadini che arrivano e riempiono i carrelli con frutta altrimenti destinata al macero. E tutto questo nel senso di una solidarietà autentica che passa attraverso i beni di consumo più importanti, ovvero l’alimentare” ha detto il governatore della Toscana Eugenio Giani.

Lucibello-e-Ceccherini-2

Al taglio del nastro, oltre a Eugenio Giani, erano presenti Stefania Saccardi vice-presidente della Regione Toscana, Monia Monni assessore all’Ambiente della Regione Toscana, Serena Spinelli, assessore al Welfare della Regione Toscana, Federico Gianassi, assessore alle Attività produttive del Comune di Firenze, Cecilia Del Re, assessore all’Agricoltura del Comune Firenze, Sara Funaro assessore al Welfare del Comune di Firenze, Andrea Vannucci, consigliere della Regione Toscana, Luigi Paccosi, presidente Cesvot Toscana, Maurizio Sguanci, presidente del Quartiere 1, Serena Perini, presidente del Quartiere 3, Michele Pierguidi, presidente del Quartiere 2 e Mirko Dormentoni, presidente del Quartiere 4.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Firenze nasce il nuovo "Mercato delle opportunità", dove fare la spesa a prezzi calmierati

FirenzeToday è in caricamento