menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un'immagine di Corri la Vita a Firenze

Un'immagine di Corri la Vita a Firenze

Corri la Vita dona 200mila euro all'ospedale di Careggi

Duecentomila euro da impiegare entro quindici giorni per acquistare quanto occorre a sostenere la lotta contro il Coronavirus

Corri la Vita ha donato 200mila euro a Careggi per comprare, entro 15 giorni, quanto occorre e sostenere la lotta contro il Coronavirus. La decisione è stata annunciata giovedì 12 marzo da Bona Frescobaldi, presidente della Onlus, a Rocco Damone, direttore generale di Careggi.

Siamo nati per aiutare le donne nella loro lotta al tumore al seno – spiega Bona Frescobaldi – ma in un momento come questo ci è sembrato giusto e inevitabile dare un nostro contributo per fronteggiare questa terribile emergenza. Abbiamo optato per la soluzione più rapida e diretta per far arrivare il denaro subito, a disposizione di chi ne ha bisogno. La cifra che abbiamo stanziato è significativa, ci auguriamo tuttavia che anche questo esempio possa incoraggiare tutti quanti a fare qualcosa per contribuire a questa lotta. Anche un piccolo gesto: la nostra storia racconta come la solidarietà nei momenti di sofferenza sia fondamentale”.

La raccolta fondi per Careggi

“La Direzione di Careggi – dichiara Rocco Damone direttore generare dell’Azienda ospedaliero universitaria fiorentina – ringrazia Corri La Vita per l’importante donazione che consentirà in tempi rapidi di dotare le strutture impegnate nell’assistenza dei pazienti affetti dal virus Covid-19 di 3 apparecchi radiologici portatili. Questi avanzati strumenti diagnostici – prosegue Damone – permettono una notevole mobilità consentendo di fare esami direttamente al letto del paziente. Questa modalità di esecuzione della prestazione radiodiagnostica è particolarmente utile nei casi positivi al Covid-19. I pazienti non devono essere trasferiti dal luogo di ricovero all’area operativa di radiodiagnostica, superando le difficoltà relative alle misure di protezione necessarie ad impedire la trasmissione del virus. Grazie a questa donazione – conclude Damone – pazienti e operatori sono più sicuri e l’efficienza assistenziale migliora sensibilmente con una preziosa riduzione dei tempi delle procedure diagnostiche”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Galleria degli Uffizi e Palazzo Pitti: ecco quando riaprono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento