rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
social

Emergenza, passeggiate a maggio: occasione per scoprire fiumi e torrenti

Le uscite, a piedi o in bicicletta, saranno consentite solo in modo individuale o da parte di genitori con i propri figli minori

L’ultima ordinanza regionale in materia di Coronavirus, la numero 46 del 29/04/2020, autorizza, a partire dal 1 maggio, lo svolgimento di attività motoria in sicurezza nel proprio Comune. Le uscite, a piedi o in biciletta saranno consentite solo in modo individuale o da parte di genitori con i propri figli minori, di accompagnatori di persone non completamente autosufficienti o di residenti nella stessa abitazione, da iniziare e concludersi presso la stessa con l’obbligo invariato di distanziamento sociale verso tutti gli altri.

Revocata l'ordinanza regionale sull'attività motoria: è una fake news

La fase 2 in Toscana apre all'attività motoria, ma sempre nel rispetto delle norme di sicurezza e sanità, per questo, dal consorsio consigliano di passeggiare lungo i fiumi e torrenti del proprio comune.

In queste settimane di emergenza Covid19 non si è mai fermata, perché servizio pubblico essenziale, l’attività di vigilanza e manutenzione sul reticolo idrografico svolta dal Consorzio di Bonifica per la sicurezza idraulica dei cittadini e delle loro proprietà. E proprio negli ultimi giorni si sono avviate anche le lavorazioni programmate di sfalcio della vegetazione stagionale che entreranno però nel pieno della loro esecuzione, in amministrazione diretta o in appalto, durante tutto il mese di maggio.

“Tornando ad uscire di casa – spiega il Presidente del Consorzio Marco Bottino – sarà possibile andare lungo fiumi e torrenti su cui il Consorzio non ha mai smesso di intervenire con piccoli e grandi interventi: penso al Sentierelsa con interventi per oltre 30 mila euro; al Percorso della Pesa su cui in questo frangente si sono ripristinati diversi tratti danneggiati dalle grandi piene di novembre e dicembre 2019; ai corsi d’acqua Empolesi su cui si sono già eseguiti gli sfalci e a tutti quelli su cui si è programmato di intervenire nelle prossime settimane. Colgo l’occasione per ribadire che ogni lavoro del Consorzio, compreso il taglio dell’erba, ha finalità di prevenzione idraulica e non di pubblico decoro o fruibilità; dunque attueremo il nostro programma secondo priorità di ispezione e controllo delle opere e sistemazioni idrauliche dettate dal grado di rischio del corso d’acqua. In ogni caso, anche se da qualche parte l’erba potrà essere ancora un po’ alta i prossimi giorni possono essere l’occasione per scoprire ed apprezzare il corso d’acqua gestito dal Consorzio, vicino a casa”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza, passeggiate a maggio: occasione per scoprire fiumi e torrenti

FirenzeToday è in caricamento