Domenica, 24 Ottobre 2021
social Empoli

Tanti auguri Ferdinando Ciampi: 100 anni festeggiati con la moglie nel suo amato quartiere

Empolese, santamarianese, classe 1921, vigile urbano, perse il padre Giuseppe e gli zii Pietro, Dario e Virgilio nell’eccidio del 24 luglio 1944

Insieme a sua moglie Graziella, nel quartiere di Santa Maria a Empoli, oggi festeggia il compleanno Ferdinando Ciampi: un giovanotto che compie cento anni. Anche l’amministrazione comunale e il sindaco di Empoli Brenda Barnini partecipano a questo giorno così speciale, ma non lo potranno fare in presenza. Nessuna visita come di solito avviene in occasioni così uniche per le concittadine e i concittadini centenari.

Ma l’omaggio floreale e la pergamena del Comune di Empoli sono arrivati ugualmente a casa Ciampi. E appena la situazione epidemiologica lo permetterà ci sarà sicuramente una visita ad hoc per Ferdinando al quale il sindaco invia «gli auguri di tutta la giunta e dell’amministrazione e i ringraziamenti per il suo impegno legato alla memoria».

Empolese di ‘razza’, santamarianese classe 1921, di Pratovecchio, è stato ‘vigile urbano’, e negli ultimi anni portavoce della memoria nelle scuole empolesi, perché testimone di una storia drammatica che colpì la sua vita, la sua famiglia e tutta la città. Ferdinando è sposato con Graziella, novantasettenne, dal 6 dicembre 1947. Settantaquattro anni di grande amore.

Graziella è stata una confezionista e cuciva in casa come facevano all’epoca. Ferdinando a settembre scorso ha avuto una brutta caduta che gli ha comportato la frattura del femore, solo dopo quel brutto episodio ha bisogno di essere aiutato.

La longeva coppia ha avuto due figlie, Dunia e Daniela. Hanno due nipoti, Pablo tifoso da sempre dell’Empoli, e Deborah. Sono anche i bisnonni di Saverio, Petra e Cristina.

Ferdinando Ciampi testimone dell'eccidio del 1944

Nell’eccidio del 24 luglio 1944, in Piazza della Frutta prima, Piazza Ferrucci poi, successivamente e tristemente rinominata Piazza XXIV Luglio, tra quei 29 empolesi che furono barbaramente trucidati dai nazisti, Ferdinando, perse il padre Giuseppe e tre zii: Pietro, Dario e Virgilio.

Quei fatti li ricorda ancora bene Ferdinando: i suoi 23 anni, gli spari, le corse affannose per scappare, gli avvertimenti delle donne per far mettere in salvo gli uomini. Il nascondersi. Gli sfollati. La solitudine di rimanere al riparo nei campi per evitare i rastrellamenti in atto. I carri armati. Qualcuno dei vicini di casa sparò prima sui nemici, uccidendone alcuni; colui che si salvò raccontò quanto accaduto al comando che si trovava al Terrafino. In quel momento a casa di Ferdinando c’era un austriaco, un soldato sfollato che comunicò che la sua famiglia era estranea a quell’agguato. Invece il 24 luglio, nel pomeriggio, le forze naziste circondarono il casolare puntando armi pesanti sui prigionieri tra cui suo padre e gli zii. Li radunarono, li portarono in ‘piazza della frutta’ e li fucilarono senza pietà. Il giorno successivo all’assassinio, le donne tra cui anche la madre di Ferdinando andarono a riprendere quei corpi dilanianti.

‘I’ Ciampi’, come lo chiamano, gli amici di quartiere, è stato intervistato molte volte; nominato nelle pagine di storia e della memoria della Empoli di ieri e di oggi; ha portato la sua testimonianza nelle scuole, tra i giovani per non dimenticare e soprattutto per far conoscere quei ‘fattacci’; ha parlato nel Consiglio Comunale aperto alla cittadinanza in occasione delle celebrazioni del 75° anniversario della Liberazione della Città di Empoli, il 5 settembre 2019, agli Agostiniani, insieme ai compianti Rolando Fontanelli, che ci ha lasciati lo scorso agosto 2020 e al Cavalier Dario Del Sordo, detto ‘Fischio’, scomparso nell’ottobre 2019.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tanti auguri Ferdinando Ciampi: 100 anni festeggiati con la moglie nel suo amato quartiere

FirenzeToday è in caricamento