Emergenza Coronavirus: caffè e cioccolato donato a 10 ospedali toscani

Caffè Corsini ha donato capsule, caffè macinato, macchinette e cioccolato agli ospedali di Arezzo, Firenze, Grosseto, Massa, Livorno, Lucca, Pisa, Pontedera, Siena, Versilia

Caffè Corsini, storica torrefazione di Arezzo, per ringraziare tutto il personale sanitario ha donato i suoi prodetti a 10 ospedali toscani. Ha consegnato capsule, macchinette, caffè macinato e cioccolato negli ospedali di Arezzo, Firenze, Grosseto, Massa, Livorno, Lucca, Pisa, Pontedera, Siena, Versilia. Lo ha fatto grazie al coordinamento dell’Assessorato al Diritto alla salute della Regione Toscana, alla collaborazione con la rete USL della Regione (Nord Ovest e Sud Est); e con le aziende ospedaliere di Careggi, Pisa e Siena. Il caffè, rispettando le volontà e le esigenze di ogni singola realtà, è stato portato non solo nei reparti Covid e di malattie infettive, ma anche a chi si occupa delle analisi di laboratorio e di farmacia, al Pronto Soccorso e in pneumologia.     

“È il nostro piccolo contributo per ringraziare il personale sanitario per quanto sta facendo in questo momento così difficile per tutti noi” dichiara il presidente Patrick Hoffer.

Tra le priorità di questo momento per la Corsini, c’è anche la sicurezza e la salute dei propri lavoratori che si è concretizzata con la stipula di una polizza assicurativa Coronavirus a favore di tutti i dipendenti, sia operativi in azienda che in smart working. Questa assicurazione prevedere garanzie di diaria da ricovero, diaria per terapia intensiva e ulteriori tipi di assistenza in caso di contagio da Covid-19.

Caffé Corsini in Malattie infettive-2

“Una tutela necessaria per i nostri collaboratori – dichiara Hoffer - che con impegno e sacrificio compiono ogni giorno il proprio lavoro. Si tratta di un rafforzamento doveroso delle procedure di sicurezza e prevenzione già messe in atto dalla nostra azienda per fronteggiare l'emergenza in corso”. L’unico reparto rimasto aperto al momento nello stabile di Badia al Pino (Arezzo) è quello produttivo, dove la sicurezza e l’igiene vengono prima di tutto, l’accesso è strettamente consentito solo agli addetti ai lavori, nessuno può entrare né uscire senza protezioni e ci sono trattamenti igienizzanti ad ogni cambio turno. Il resto dei dipendenti dei settori amministrativi, commerciali e segreteria lavorano da casa in modalità smart working.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’azienda, oltre a mandare avanti la produzione tutelando la salute dei propri lavoratori, si sta impegnando anche per continuare a spedire in tutta Italia senza ritardi né restrizioni e, per rimanere vicini agli italiani e agli appassionati di caffè, ha lanciato una promozione sul proprio sito per gli acquisti online, con sconti fino al 35% per consentire di rifornirsi della propria scorta di caffè preferito. “Sosteniamo l’Italia comprando italiano, teniamo alto il valore del made In Italy, oggi più che mai”, conclude Hoffer.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio in centro: scooter in fiamme / FOTO 

  • Baby K a pranzo al circolo: "Adora la cucina toscana" / FOTO

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 23 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Cosa fare nel fine settimana a Firenze

  • Coronavirus: gita in Sicilia, focolaio nel Chianti

  • Crisi Coronavirus: chiude lo storico Gran Caffè San Marco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento