menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Università di Firenze: come sarà il nuovo anno accademico

Lezioni in presenza secondo le regole del distanziamento e con turnazioni, ma garantite anche a distanza. Tasse invariate

Come sarà il nuovo anno accademico. Il rettore Luigi Dei ha illustrato oggi nel corso di un incontro con la stampa alcune novità per il 2020-2021, a cominciare dalle modalità di svolgimento della didattica.

L'Ateneo si sta organizzando per adottare un modello articolato di erogazione della didattica, in considerazione della situazione sanitaria. Le lezioni saranno svolte in aula secondo l'orario previsto dal calendario didattico e con la presenza di un numero di studenti stabilito in relazione alla capienza e alle regole di distanziamento fisico che saranno vigenti in autunno. Ma in contemporanea i corsi saranno fruibili anche in videoconferenza per tutti gli studenti frequentanti e successivamente la loro registrazione sarà resa disponibile su una piattaforma online.

Come si tornerà a scuola

“Vogliamo riportare le studentesse e gli studenti in aula – ha affermato il rettore – l’Università è presenza, è scambio e dialogo. Stiamo lavorando per ripartire: abbiamo ricalcolato la capienza delle aule, nel rispetto dei protocolli di sicurezza, e stiamo pensando a turnazioni per assicurare il diritto a frequentare dal vivo. Garantiremo però online le lezioni e il materiale didattico per coloro che per tanti motivi, di salute o anche economici, potrebbero avere difficoltà a tornare in aula”.

Le tasse universitarie non aumenteranno: “Abbiamo una tassazione media tra le più basse in Italia, fortemente progressiva, a protezione dei redditi più bassi – ha spiegato ancora Luigi Dei – e non è intenzione dell’Ateneo, in un momento così difficile, gravare ulteriormente sulla situazione economica delle famiglie. E stiamo aspettando  il decreto del MUR che dovrebbe innalzare la fascia di esenzione, la cosiddetta no tax area”.

A giugno e a luglio gli esami e le tesi continueranno a svolgersi a distanza; l’Ateneo ha promosso un questionario fra gli studenti per conoscere eventuali problematiche di connessione o carenze di strumenti informatici e per organizzare soluzioni alternative.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento