Salute

La “stanza degli abbracci” arriva a Bagno a Ripoli: ospiti e familiari potranno finalmente riabbracciarsi in sicurezza

In Rsa Masaccio, struttura alle porte di Firenze del Gruppo La Villa, arriva un’iniziativa che rende possibile l’incontro e il contatto tra gli Ospiti e i loro cari, grazie anche al piano vaccinale che sta seguendo un iter ben preciso.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FirenzeToday

Emozionarsi di nuovo, dopo tanto tempo. In Rsa Masaccio, Struttura del Gruppo La Villa appena fuori Firenze, nasce la “Stanza degli Abbracci”: un’iniziativa - già attivata in altre strutture del Gruppo, come Rsa Castello di Stazzano (AL), Rsa Villa Angela a Bagnone (MS), che sta per arrivare anche nella vicina Rsa Botticelli, a Strada in Chianti (FI) e a Rsa & Villa Alfieri di Lido di Camaiore (LU) - volta a facilitare e supportare l’incontro tra gli anziani e familiari durante l’emergenza Covid-19, purtroppo tuttora in corso. La “Stanza degli Abbracci” è stata allestita lo scorso 2 marzo ed è già operativa per le visite: lo spazio si alterna con quella che, durante le festività, era nata come la “Stanza di Babbo Natale”. Entrambi i progetti sono stati concepiti con la stessa finalità: far sì che gli Ospiti possano incontrare i loro Familiari in sicurezza. Ma, se nell'ex “Stanza di Babbo Natale” Ospiti e Famiglie rimangono separati da un vetro, la “Stanza degli Abbracci”, essendo allestita all’esterno - grazie anche alla bella stagione, ormai prossima - permette invece contatto e vicinanza. La “Stanza degli Abbracci” è un ambiente gonfiabile munito di due ingressi separati - uno per i Parenti e l’altro per gli Ospiti - che conducono a due aree, divise da una membrana trasparente, realizzata in materiale lavabile e sanificabile dopo ogni accesso, per permettere incontri in piena sicurezza senza rinunciare al contatto con chi si ama. Gli Ospiti potranno accedere direttamente dalla palestra mentre ai Familiari viene riservato un percorso dall’esterno. Ovviamente, al termine di ogni visita avviene l’igienizzazione dell’ambiente. Non solo: a fine di ogni giornata viene messa in atto una sanificazione massiva della Stanza, prima di sgonfiarla e riporla al riparo da eventuali intemperie. Come avvengono le visite all’interno della “Stanza degli Abbracci”? Tutte le visite si svolgono sotto la supervisione di un’Educatrice professionista, che ha un ruolo fondamentale durante gli incontri: questa figura, infatti, gestisce le prenotazioni, supervisiona il corretto iter delle visite - nel rispetto della privacy, delle norme ma anche dell’ambiente stesso - e svolge il ruolo di facilitatore tra familiare e Ospite nel momento in cui quest’ultimo abbia, per esempio, difficoltà comunicative. Le visite e gli accessi a questa preziosa “Stanza degli abbracci” vengono programmate su appuntamento, con orari ben precisi, in modo da poter effettuare le operazioni di sanificazione per il pieno rispetto dei protocolli sanitari vigenti. Ai familiari, quindi, basterà contattare telefonicamente Rsa Masaccio e accordarsi con il personale per fissare data e orari di accesso. Le dichiarazioni di Andrea Salvini, Responsabile di Struttura “La stanza degli abbracci è la nostra risposta - non solo sanitaria - alla lotta contro il Covid, a tutte quelle limitazioni imposte ai nostri Ospiti per poter incontrare i propri cari ed i propri affetti. Perché al Covid non si risponde solo con terapie e farmaci, ma anche con la socialità e il volersi bene, quindi insieme alle terapie devono essere previsti anche… ‘abbracci’, che ovviamente avvengono in totale sicurezza e che permettono di attuare vere e proprie cure. È la nostra ‘arma in più’, che ci aiuta a combattere questa guerra contro il virus insieme ai nostri Ospiti e ai loro parenti. L’essere stati testimoni del primo incontro, avvenuto qualche giorno fa tra una figlia ed una mamma che non si abbracciavano da diversi mesi, per esempio, ci ha ricompensato di tante fatiche e sofferenze che in questi mesi abbiamo affrontato.” Rsa Masaccio: le attività terapeutiche proseguono in piena sicurezza Le attività in struttura proseguono grazie a una rimodulazione degli spazi e seguono un rigido protocollo anti-Covid: ogni giorno vengono proposti due percorsi mattutini, uno fisioterapico e uno di animazione, all’interno della palestra adiacente alla Stanza degli Abbracci, che è stata suddivisa in due spazi distinti per permettere la diversificazione delle attività in base alle singole esigenze dell’Anziano. Il tutto a giorni alterni, così da favorire e permettere la turnazione degli Ospiti, nel rispetto del distanziamento e dell’osservanza dei protocolli interni in materia di sicurezza. La campagna vaccinale prosegue spedita Non solo: in Rsa Masaccio, come in tutte le Strutture del Gruppo, prosegue la campagna vaccinale dedicata a Ospiti e Dipendenti, sempre nel pieno rispetto delle adesioni e compatibilmente con eventuali patologie o quadri clinici. E, proprio a questo proposito, è di imminente partenza l’iniziativa “Io mi sono vaccinato” per la quale tutti i Dipendenti che hanno ricevuto le inoculazioni indosseranno una spilla, dove protagonista è proprio il titolo del progetto, da apporre sui camici, a testimonianza della loro adesione e per sensibilizzare su questo tema. La sezione informativa Covid-19 sul sito web del Gruppo Sul sito del Gruppo La Villa è online la speciale sezione “Rsa Sicura” dedicata alle procedure, ai protocolli d’ingresso e alla mission aziendale a fronte dell’emergenza che ha colpito il nostro paese, oltre a una serie di FAQ pratiche e immediate per ottenere tutte le risposte in merito, consultabile nel sito. Ora, non resta che attendere il momento in cui familiari e Ospiti potranno finalmente riabbracciarsi, grazie questo ambiente così importante per il territorio fiorentino: perché nessuna barriera può limitare l'affetto e l'amore nei confronti di chi ci è sempre stato accanto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La “stanza degli abbracci” arriva a Bagno a Ripoli: ospiti e familiari potranno finalmente riabbracciarsi in sicurezza

FirenzeToday è in caricamento