La chiesa ortodossa etiope Tewhado di Toscana dona alla Cri di Firenze 2.500 euro

Da destinare all'acquisto di beni di prima necessità per aiutare le famiglie in difficoltà

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FirenzeToday

La comunità dei fedeli della chiesa ortodossa Etiope è composta da circa 2-300 persone sparse tra le principali province della Toscana. Queste si riuniscono regolarmente per il rito della messa ogni domenica presso la Parrochia Debire Sahil Kidus Michael, in zona Soffiano, ospiti di una chiesa cattolica.

Si tratta per la maggior parte di persone arrivate in Italia da 5 o 6 anni, che lavorano in vari ambiti e molte delle quali sono impiegate come domestici, giardinieri, in imprese di pulizia. Sono famiglie intere di uomini e donne perfettamente integrati nel tessuto toscano, i cui figli vanno a scuola e parlano italiano. La loro raccolta fondi è stata effettuata con le difficoltà date dal Covid-19: non potendosi più riunire ogni domenica per la messa a Firenze, ogni piccola comunità nelle varie provincie ha raccolto la propria quota, inviando singoli bonifici al conto corrente della Parrocchia.

Da questo meticoloso lavoro, sono stati raccolti 2.500 euro, affidati interamente alla Croce Rossa di Firenze per dare aiuto alle persone bisognose, le cui richieste stanno aumentando esponenzialmente a causa dell’emergenza. “Abbiamo scelto di esprimere la nostra vicinanza e riconoscimento al popolo Italiano che ci ha accolti ed in più occasioni si è dimostrato compassionevole, sacrificando tanto del proprio a favore dei più deboli - dichiara l’Abba (Padre) Wolde Yohannes Atnafu Ayalneh, responsabile della Chiesa Ortodossa Etiope Tewhado in Toscana -. In particolare la nostra donazione verrà affidata alla Croce Rossa poiché l’associazione è presente anche nella nostra nazione come Ethiopian Red Cross Society e siamo sicuri che verrà impiegata a buon fine.”

“Questa è una donazione che ci rende orgogliosi e riconoscenti. Sapere che la nostra Associazione è stata scelta tra tante, dalla Comunità della Chiesa Ortodossa Etiope Tewhado in Toscana, ci dà la misura del fatto che quello della Croce Rossa è un emblema riconosciuto come “amico” in tutto il mondo e che l’impegno che mettiamo tutti i giorni nel nostro servizio, non è vano”, ha commentato il presidente della Croce Rossa di Firenze Lorenzo Andreoni. “Metteremo tutto il nostro impegno per far rendere al massimo ogni euro che ci è stato affidato dalle Famiglie Etiopi, consapevoli che per qualcuna di loro questa donazione sia stata un grosso sacrificio”

I più letti
Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento