Politica

Tommaso Sacchi, per l'assessore alla cultura di Firenze si apre la strada del ritorno a Milano

Per l'attuale assessore della giunta Nardella, curatore per anni dell'Estate Fiorentina, sarebbe un ritorno a casa

Torna a circolare la voce di un possibile 'cambio di casacca' per l'attuale assessore alla cultura del comune di Firenze, Tommaso Sacchi.

Classe '83, scelto dal sindaco Dario Nardella all'interno della propria squadra di governo di questo secondo mandato dopo aver curato per diversi anni l'Estate Fiorentina, Sacchi potrebbe infatti presto trasferirsi da Palazzo Vecchio a Palazzo Marino, sede del comune di Milano, se l'appena rieletto sindaco Giuseppe Sala lo vorrà nella propria giunta.

Per Sacchi sarebbe appunto un ritorno a casa, visto che proprio nel comune meneghino è nato 38 anni fa. Nell'amministrazione comunale milanese peraltro ha già lavorato, nell'assessorato alla cultura, quando assessore a Milano era Stefano Boeri.

Delle 'sirene milanesi' per Sacchi aveva già parlato Repubblica Firenze prima delle elezioni amministrative di domenica e lunedì scorsi, con il diretto interessato che nei corridoi di Palazzo Vecchio però si schermiva: "E' un'ipotesi che non c'è, sto bene qui e ci sono tanti progetti da portare a termine". Progetti fiorentini che ora potrebbero passare in altre mani.

Da Sacchi, che a Firenze si trova benissimo, per ora non risultano arrivare altri commenti, ma la piazza milanese sarebbe senz'altro prestigiosa e l'ipotesi viene rilanciata oggi sia dal Corriere della Sera che da MilanoToday.

Il rieletto sindaco di Milano Sala ha detto di voler annunciare la nuova giunta nel più breve tempo possibile. Entro non molto sapremo dunque se ci sarà anche un pezzo dell'attuale giunta fiorentina.

Il sindaco Nardella rilancia l'alleanza Pd - 5 Stelle

Sesto Fiorentino: tutti gli eletti in consiglio comunale

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tommaso Sacchi, per l'assessore alla cultura di Firenze si apre la strada del ritorno a Milano

FirenzeToday è in caricamento