rotate-mobile
Politica

Tav ruba risorse alla corse regionali? Per Moretti: "Una Favola"

L'ad di Fs è stato categorico: "Senza Tav avremmo il taglio del 15% delle corse regionali". E sul bando Ataf: "Non faremo un offerta a tutti i costi, valuteremo le condizioni economiche"

Tav e treni regionali, un dibattito aperto e zeppo di polemiche. Da una parte c’è chi sostiene che le risorse messe in campo per costruire e mandare avanti i treni ad Alta Velocità stiano penalizzando il trasporto ‘lento’, dall’altra c’è chi afferma l’esatto contrario, come l’ad di Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti: “Abbiamo tenuto su il trasporto regionale con i soldi fatti con la Tav, sennò avremmo tagliato i servizi del 15%”. La polemica è datata, ma sempre nuova ed talvolta alimentata dalle lamentele di un’utenza snervata dei disagi talvolta patiti durante le corse regionali, in particolare quelle dirette verso Firenze. Alcuni treni fatiscenti, tanto da costringere a rinnovare gran parte del parco mezzi, e le denunce dei comitati pendolari per ritardi e il numero di carrozze nelle ore di punta. I giorni di ghiaccio dello scorso febbraio, con i convogli bloccati dal gelo, sono stati l’ultimo esempio di una serie di malcontenti e mal di pancia.

Per Moretti tuttavia il disimpegno di Fs sui trasporti regionali in favore della rete Tav è una “favola”. In sostanza il nodo, secondo l’ad, è quello di incrementare la produttività. E qui chiama in causa direttamente il sindacato: “Certo dobbiamo continuare a efficientare – ha sottolineato Moretti – e infatti abbiamo una riunione aperta con i sindacati per chiedere di lavorare di più”. Allo stesso tempo “le città devono aumentare gli spazi per il servizio collettivo, scoraggiare con politiche attive il trasporto privato e favorire con politiche attive il trasporto collettivo, pubblico o privato che sia”.

QUESTIONE ATAF – Ma gli impegni e gli interessi di Moretti a Firenze, oltre alla Tav ed al trasporto regionale su rotaia, passano anche dal capitolo gomma. BusItalia-Sitanord del Gruppo Fs, assieme Autoguidovie Milano, è una delle sei società in corsa per l’aggiudicazione del sistema dei servizi di Ataf. In pratica, corse, bus ed autisti. Su questo fronte tuttavia Moretti questa mattina ha rimescolato le carte in tavola, mettendo il piede davanti alla leva del freno.

In pratica Fs parteciperà alla gara se ci saranno le “condizioni economiche” e “non a tutti i costi”. Per adesso in effetti, come prevede il bando, le aziende che hanno presentato una prima manifestazione di interesse, stanno valutando i dati, bilanci inclusi, di Ataf. Una volta conclusa questa fase esplorativa passeranno, per chi deciderà di farlo, alla offerte di acquisizione vere e proprie. “Non è – ha concluso Moretti – che noi partecipiamo perché vinciamo a tutti i costi. Valuteremo se ci sono le condizioni economiche per fare una offerta, e in quel caso la faremo per vincere, ma non a tutti i costi”.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tav ruba risorse alla corse regionali? Per Moretti: "Una Favola"

FirenzeToday è in caricamento