Alleanze elettorali: Rossi ci prova, Galletti gli dà il 'picche'

Il governatore PD uscente ai Cinque Stelle: "Uniamoci contro la destra". La candidata M5S: "Giani è renziano, nessun margine per un'alleanza"

Irene Galletti, M5S

"La mia proposta è: uniti contro la destra". Lo ha scritto in un post su Facebook il presidente della Toscana Enrico Rossi, rivolgendosi al Movimento Cinque Stelle, che in Toscana candida come presidente Irene Galletti.

I Cinque Stelle, ha affermato Rossi, "governano a livello nazionale con il Pd, ma alle regionali, dove le intese sarebbero certamente più facili, vogliono mantenere la loro purezza e giocare in solitario. Io, al loro posto non sarei così sicuro che restando neutrali in uno scontro che sarà durissimo - anche perché influenzerà le sorti del governo nazionale - si facciamo gli interessi dei cittadini che si vuole rappresentare".

"La destra - ha osservato Rossi - è divisa su tanti temi ma ha il dono e la capacità di unirsi di fronte alle scadenze elettorali. È accaduto anche questa volta. Puntualmente Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia sono alleati alle elezioni regionali e hanno candidati condivisi. La sinistra invece è affetta dalla malattia del farsi male. Poco conta che questo virus colpisca una volta l'una e una volta l'atra formazione, il risultato è sempre di favorire la destra che dovrebbe essere l'unico vero avversario".

Pronta la risposta di Irene Galletti: "La domanda che mi faccio è: perché Enrico Rossi, che è uscente, ci chiede questo, quando le scelte sono già state fatte? E quando sa che il motivo ostativo principale è quel candidato renziano che nemmeno lui è contento di avere come suo successore?".

Eugenio Giani, che è il candidato del centrosinistra, secondo la candidata presidente della Toscana per il Movimento Cinque Stelle "è quanto di più vicino alla stessa destra che Rossi disprezza. Perché ce lo chiede adesso? Non è questione di essere puristi o meno. Io sono consapevole che siamo al Governo insieme. Ma il punto è essere alternativi. Se guardo questo centrosinistra e questo centrodestra che si affacciano al 2020-2025 non vedo alternative. Io l'alternativa la vedo in quello che sto portando avanti. Ecco perché il rifiuto. La proposta di per sé potrebbe essere ragionevole, ma di fatto non lo è per la sostanza di cui è fatto ora il centrosinistra".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Giani non ha mai cercato alcun confronto con me, a conferma del fatto che sono molto decisi nel percorso che hanno intrapreso. I margini per un'alleanza non ci sono mai stati", conclude Galletti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Enoteca Pinchiorri: l'asta delle bottiglie ha fruttato più di 3 milioni di euro

  • Lavoro: posto fisso in Comune, concorso a Empoli

  • Crisi Coronavirus, la Cgil: "Hotel Villa La Vedetta chiude, 15 dipendenti a casa"

  • Caso positivo di Covid alla Dino Compagni

  • Sesto Fiorentino: scivola in bagno e batte la testa, muore 12enne

  • Elezioni regionali: facsimile delle schede delle 13 circoscrizioni della Toscana 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento