Riaperture, 'nodo' distanze per i ristoranti. Forza Italia: "Modello Emilia per la Toscana, 1 metro tra clienti e no autocertificazioni"

Lo chiede il vicepresidente regionale Marco Stella al presidente Rossi

Le chiavi dei locali portate dai ristoratori a Palazzo Vecchio

“La Regione Toscana si affretti a seguire il modello Emilia Romagna per la riapertura dei ristoranti e dei bar, un modello molto pragmatico e poco ideologico, che consentirà alle attività di ristorazione di riaprire davvero: distanza di 1 metro tra i clienti e niente autocertificazioni". Lo afferma il vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana, Marco Stella (Forza Italia), commentando il documento ufficiale approvato ieri sera dalla Giunta regionale dell'Emilia Romagna per fornire linee guida e indicazioni operative, omogenee sul territorio regionale, all'interno degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande.

"Nel protocollo emiliano - sottolinea Stella - 'saltano' i 4 metri quadri per avventore, un fattore di densità che sta facendo molto discutere e che rischia di convincere i ristoratori a non riaprire; e salta anche la misura dei 2 metri tra tavolino e tavolino. Non si parla più di distanziamento tra tavolini ma di distanziamento tra persone. E si sancisce che le persone devono stare ad almeno 1 metro. Non 2 metri, non 4 metri, ma 1 metro".

E' un documento incentrato sulla responsabilizzazione dei clienti nell'assunzione di comportamenti rispettosi delle misure di sicurezza - aggiunge il vicepresidente - Saltano anche le assurde autocertificazioni sui gradi di parentela tra i commensali".

"Ovviamente il protocollo suggerisce e incoraggia l'utilizzo di spazi all'aperto - ricorda ancora Stella – spazi che, come è stato confermato dal Presidente del Consiglio, saranno resi gratuiti in virtù di un accordo tra Governo e Associazione Nazionale dei Comuni. I ristoranti emiliano-romagnoli metteranno a disposizione dei clienti gel disinfettanti, mascherine e guanti a chi ne farà richiesta".

"Stesso discorso per i bar: ingressi contingentati, affissione di cartelli informativi, presenza di dispenser con gel igienizzante; il servizio al banco deve avvenire con il distanziamento interpersonale di almeno un metro - conclude Stella -. Chiediamo al governatore Enrico Rossi di varare un documento ispirato alle norme di buon senso del suo collega emiliano".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Ministero e Iss: "Toscana a rischio lockdown, è nello scenario 3". Ipotesi chiusure scuole e tutte attività sociali, culturali e sportive

  • Coronavirus, verso un nuovo Dpcm: ipotesi 'coprifuoco' alle 22 ovunque

  • Coronavirus: nuovo Dpcm nelle prossime ore. Verso la chiusura di palestre e centri estetici, confermato il "coprifuoco"

  • Coronavirus, impennata di nuovi casi: 755 in Toscana 263 a Firenze  

  • Coronavirus, Careggi torna al lockdown: stop alle visite dei parenti

  • Coronavirus: in Toscana altro balzo in avanti, 906 nuovi casi. Cinque decessi, tutti a Firenze

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento