menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Renzi, foto Facebook

Renzi, foto Facebook

Inchiesta Open, Renzi: "Pm in cerca di visibilità, danneggiano l'immagine della magistratura"

La replica dell'ex premier dopo la notizia che è indagato assieme a Lotti e Boschi

"Ci sono vari modi di replicare a quello che sembra un assurdo giuridico, perché la Cassazione aveva parlato appena qualche settimana fa. Io penso che a chi cerca la battaglia e la visibilità mediatica si debba rispondere con il diritto: loro passano le informazioni alla Verità, (il quotidiano che ha pubblicato ieri mattina la notizia dell'avviso a presentarsi in procura nei confronti di Renzi, Boschi e Lotti, ndr ) noi pensiamo che la verità sia quella della Cassazione e di conseguenza noi abbiamo talmente rispetto della magistratura che le sentenze della Cassazione noi le abbiamo lette. Spero che le abbia lette anche il pm di Firenze o che almeno le abbia capite. Nel dubbio sarà ai nostri avvocati, la professoressa Severino per Maria Elena Boschi, il professore Coppi per Lotti, Di Noia per Carrai e Caiazza per il sottoscritto, a spiegare all'accusa quali sono le posizioni di diritto. Noi ai magistrati auguriamo buon lavoro".

Il caso: Renzi indagato insieme a Lotti e Boschi

Lo ha detto Matteo Renzi nel suo intervento di apertura della terza assemblea nazionale di Italia Viva, ieri a Roma, dopo che nella mattinata si era diffusa la notizia delle indagini, nell'ambito dell'inchiesta Open, nei suoi confronti e nei confronti di Lotti e Boschi per i finanziamenti in passato alla Fondazione Open.

"Io penso che questo sia il segno di un modo di fare politica che non è nostro. Lo dico a maggior ragione oggi. Mi sarei aspettato da quei pm di Firenze che hanno svegliato con 300 finanziari, spendendo soldi dei cittadini, a casa degli sponsor della Fondazione Open e della Leopolda, una lettera di scuse e invece è arrivato questa mattina una avviso di garanzia che riguarda tutto il Consiglio di amministrazione e di Open e il sottoscritto", ha aggiunto Renzi.

E ancora. "A tutti quelli che in queste ore mi stanno dando solidarietà dico che sono io che dò la solidarietà perché la magistratura italiana è fatta, per la stragrande maggioranza, da persone per bene. L'ansia si visibilità di qualcuno rischia di nuocere anche al lavoro degli altri".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento