Primarie Pd, Renzi: “Non mi candido"

Lo ha detto al programma di Rete 4 'Stasera Italia'

In un'intervista al programma "Stasera Italia" di Rete4, condotto da Barbara Palombelli, l'ex segretario del partito democratico Matteo Renzi ha annunciato la sua intenzione di non candidarsi alle prossime primarie.

“Ho già dato due volte. Non parteciperò alle primarie”, ha affermato l’ex premier. Anche se non vuole correre per la carica di segretario, Matteo Renzi non sembra intenzionato a restare in disparte quando si arriverà alle votazioni.

Parlando di chi potrebbe ricoprire in futuro la carica di segretario del Pd, Renzi ha spiegato che non è sicuro che il suo voto andrà a Nicola Zingaretti.

“Vedremo i candidati alla segreteria del Pd -  ha detto Matteo Renzi -. Ce ne sarà più di uno, non è detto che il mio sarà Nicola Zingaretti”.

Raccontando la sua esperienze e le due vittorie conseguite in occasione delle primarie del partito, Renzi ricorda di essere “stato per due volte bersaglio del fuoco amico”. Cioè degli altri esponenti del Pd che contrastavano il suo operato. 

L’ex premier ha guardato anche alle elezioni europee che si terranno a maggio 2019. “Alle prossime elezioni si confronteranno due idee di Europa: da una parte Salvini, Orban e anche M5s che sta con Farage - ha spiegato Renzi - dall’altra chi all’Europa ci crede ancora, l’Europa della solidarietà. Le elezioni le vincerà un fronte che va da Macron a Tsipras”.

Facendo invece un resoconto della sua esperienza come primo ministro, l’ex leader del Pd ammette che “l’errore più grande che ho fatto è stato smettere di rottamare, l’esatto opposto di ciò di cui mi accusano”.

“Abbiamo governato per mille giorni facendo tante cose - ha continuato Renzi - qualcuna venuta bene qualcuna venuta meno bene. Con la spersonalizzazione e puntando tutto sulla sobrietà siamo passati dal 40 al 18 per cento". Ha poi affermato rispondendo così a chi attaccava la strategia da lui impiegata in passato.

Rispondendo invece alla domanda di Barbara Palombelli in merito a Paolo Gentiloni, Renzi ha affermato di  essere “felice di aver portato Gentiloni, che Bersani voleva buttare fuori, a Palazzo Chigi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’ex segretario ha poi attaccato i 5 Stelle, dicendosi soddisfatto di non aver mai accettato un’alleanza con il Movimento. “Come si fa a fare un governo con chi mette in discussione l’obbligo dei vaccini?”, ha detto. 
Non sono mancate le critiche anche al leader della Lega, Matteo Salvini. “Dal punto di vista umano lo rispetto. Ma dal punto di vista politico siamo come il diavolo e l’acquasanta - ha detto Renzi - visto che la Lega ladrona ha rubato 49 milioni agli italiani, Salvini ci dica dove sono i 49 milioni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm: slitta la firma, tutti i dubbi delle Regioni

  • Coronavirus: possibili 'zone rosse' in Toscana

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Montespertoli: si getta nel vuoto dopo una lite in casa, muore quindicenne

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da lunedì

  • Incidente stradale in viale Belfiore: auto contro scooter, un ferito grave / FOTO

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento