menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Primarie, Renzi rilancia: "Se vinco cambio il Pd totalmente"

Il sindaco di Firenze da Madonna di Campiglio continua la sua corsa elettorale: "Se gli italiani sceglieranno Bersani in nome della strada 'usato sicuro' resterò in squadra"

Agosto è tempo di ferie, di caldo soffocante, di mare e di montagna. Ma per qualcuno è anche tempo di corsa elettorale, o meglio primarie. Questo qualcuno a Firenze lo conoscono bene: il sindaco Matteo Renzi. Politica praticamente muta o quasi, incontri estivi, volti abbronzati. In estate il ventaglio politico-istituzionale passa di qui. Così Renzi, in attesa di conoscere la data ma soprattutto le regole della sfida lanciata a Bersani, rilancia sul tema della rottamazione: “Se perdo le primarie resto nel Pd, ma se vinco si cambia totalmente”. Questo l’affondo pronunciato ieri dal cuore delle Dolimiti, durante l’incontro ''Campiglio 3x3'' a Madonna di Campiglio.
“Se gli italiani vorranno scegliere Bersani in nome della strada 'usato sicuro' - ha detto il primo cittadino fiorentino – io avrò profondo rispetto e se perdo le primarie non fondo il mio partito perché le regole delle primarie impongono che chi le perde resta in squadra con chi le ha vinte, altrimenti non si fanno”.

E così, in tempo di propaganda, Renzi ha rilanciato su un punto a lui caro; un leitmotiv che è parte integrante del volto del Renzi nazionale. “Il ricambio generazionale è un ricambio in nome del buon senso. Noi non siamo contro gli anziani, quelli che si sono fatti 'un mazzo' nella propria vita, in termini di valori culturali, un po' di quattrini in banca per i propri figli. Sono le persone che hanno creato il miglior risparmio privato d'occidente. Il problema è che i capelli bianchi che stanno in parlamento hanno creato il debito pubblico più alto. Hanno considerato il futuro come una gigantesca discarica, mettendo nei guai la nuova generazione. Hanno rottamato persino Ridge di Beautiful - ha poi detto - come facciamo noi a non riuscire a farlo?''. Infine una stoccata per il presidente della Camera che ieri è stato a Pieve Tesino alla 'lectio degasperiana': “Fini come De Gasperi? Come presidente della Camera ha fatto bene a partecipare alle celebrazioni di De Gasperi. Ma come erede di De Gasperi è più credibile il mago Otelma”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Oroscopo Paolo Fox oggi 5 marzo 2021, le previsioni segno per segno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento