Sabato, 31 Luglio 2021
Politica

Pd diviso verso il congresso regionale

I consiglieri regionali Monni e Gazzetti denunciano le imposizioni dei renziani in un video diffuso su Facebook

Un video con il bavaglio sulla bocca per raccontare ''tutto quello che c'è da sapere sul congresso del Pd della Toscana e che nessuno ha il coraggio di dire''. Lo hanno diffuso ieri su Facebook i consiglieri regionali dem Francesco Gazzetti e Monia Monni, che contestano la modalità di scelta di Bonafè per la guida del Pd regionale (il 14 ottobre ci saranno le primarie aperte dove l'ex assessora di Scandicci sfiderà Valerio Fabiani). "Ci volevano così, in bianco e nero, grigi, ma soprattutto zitti - sottolineano Monni e Gazzetti, che da molti mesi postano video su facebook commentando la situazione politica regionale e non solo -. Ma non ci riesce, la nostra indole non è questa e soprattutto non è il momento di stare zitti. E' un momento delicatissimo per il nostro paese e c'è bisogno che il Pd stagli forte la sua voce. Un Pd che però non dobbiamo nascondercelo, ha bisogno di essere profondamente cambiato e innovato. Però qui in Toscana noi siamo voci fuori dal coro". I consiglieri non possono essere definiti dei veri anti-renziani. La consigliera regionale Monia Monni sembrava una delle favorite alla guida dei dem toscani fino a un anno fa e lavorava a fianco dell' ex premier. Ma adesso le cose sembrano cambiate.

Nel video Monni e Gazzetti ripercorrono le tappe congressuali nei circoli in vista delle primarie regionale del 14 ottobre. I due avrebbero sostenuto la candidatura dell'ex parlamentare Federico Gelli ma di fronte al nome di Simona Bonafè hanno fatto un passo indietro lavorando però per una lista.  "Hanno detto che la nostra lista non serviva. E' stato un gesto molto grave, addirittura violento, in un momento in cui il Pd in Toscana ha bisogno di essere ripensato e aprirsi ma non ha il coraggio di farlo neanche al proprio interno. Il nemico lo vediamo dentro il partito mentre l''avversario è fuori". "Ma noi non  molliamo - promettono Gazzetti e Monni - Continueremo a lavorare e di tutto questo daremo notizia ma lo faremo in clandestinità: da oggi parte Radio Londra, la voce clandestina e non ufficiale del Pd".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pd diviso verso il congresso regionale

FirenzeToday è in caricamento