Politica Lastra a Signa

Superstrada Fi Pi Li, Tozzi (Lega) contro Giani: "Una nuova partecipata per la gestione? Basta carrozzoni"

La consigliera regionale sull'ipotesi lanciata dal presidente: "Le partecipate regionali vanno razionalizzate e non moltiplicate"

Secco no della Lega, con la consigliera regionale Elisa Tozzi, alla proposta lanciata dal presidente Eugenio Giani di costituire una nuova partecipata per la gestione della superstrada Fi Pi Li.

“Prima di pensare nuove società partecipate come 'Toscana strade spa', pensiamo ad un piano di razionalizzazione di quelle esistenti. In regione ne abbiamo già tante in grave difficoltà economico-finanziaria, senza piani industriali di rilancio e in crisi di liquidità", attacca Tozzi.

L'ipotesi rilanciata da Giani nelle scorse settimane prevederebbe appunto di costituire una nuova partecipata che nei piani del presidente, con opinione favorevole tra gli altri anche del sindaco di Firenze Dario Nardella, dovrebbe ottimizzare la gestione e raccogliere finanziamenti che consentano anche una migliore manutenzione.

“Giani rifletta: come si alimenterà la nuova società se non verrà messo il pedaggio? Ricorrerà al debito? Oltre a far cassa con gli autovelox, non spunterà fuori un balzello per autotrasportatori e in generale gli utenti? Come si dovrebbero pagare gli investimenti? Chi e come si accollerà i costi della manutenzione?”, chiede Tozzi, che ha preparato un'interrogazione in consiglio regionale sulla nuova società.

Le associazioni di autotrasportatori in rivolta contro l'ipotesi pedaggio

Le risorse economiche per la manutenzione (di una strada perennemente dissestata), secondo quanto detto da Giani nei giorni scorsi, arriverebbero da autovelox (come adesso), canoni pubblicitari per le affissioni, imposte sulle concessioni del suolo pubblico alle attività lungo la superstrada e, questa sarebbe una novità, una sorta di 'pedaggio' (una specie di bollino in realtà, niente caselli) ma solo per i camion, che sono quelli che più impattano sul manto stradale.

"Nessun pedaggio per gli automobilisti", assicurano dalla Regione. La sola ipotesi ha però già fatto infuriare gli autotrasportatori. E appunto anche la Lega dice no. 

“Gli enti locali hanno gravi difficoltà economiche per via della costante carenza di risorse: da chi dunque verrà capitalizzata la nuova società? Meno annunci, qui non si tratta di costituire nuove società o altri carrozzoni, ma di sostenere finanziariamente gli enti locali per la manutenzione delle strade”. La questione è aperta. E interessa molti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Superstrada Fi Pi Li, Tozzi (Lega) contro Giani: "Una nuova partecipata per la gestione? Basta carrozzoni"

FirenzeToday è in caricamento