Scandicci: Napolitano alla Scuola della Magistratura di Castel Pulci

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano sulle colline di Scandicci per il via ai corsi di formazione per magistrati nella nuova scuola di Castel Pulci

Giorgio Napolitano

Si è svolta ieri alla presenza del capo della Stato l’inaugurazione dei corsi di formazione per giudici in tirocinio nella nuova scuola della magistratura di Castel Pulci. All’interno della villa sulle colline di Scandicci erano presenti tutti i vertici istituzionali; fuori i 342 lavoratori della ex Isi. Lavoratori, che sono riusciti a far recapitare una lettera al Presidente Giorgio Napolitano, dopo averla consegnata a una delegazione di sindacalisti che a loro volta l’ha passata nella mani del prefetto Luigi Varratta. LETTERA DEI LAVORATORI

All’interno dell’ex ospedale psichiatrico l’arrivo del presidente è stato annunciato dall’arrivo di due corazzieri. Napolitano si è seduto davanti alla platea di 160 giovani magistrati, al fianco del ministro Paola Severino, al vicepresidente del Csm Michele Vietti e il professore Valerio Onida.

Quest’ultimo ha aperto la cerimonia. Si è detto felice della presenza di Napolitano, in quanto vertice del sistema istituzionale. Poi un ringraziamento a Loris d’Ambrosio, consigliere del Quirinale scomparso per un malore a luglio, nei mesi scorsi al centro delle polemiche per le intercettazioni delle sue conversazioni con l'ex ministro Nicola Mancino  con riferimento all'inchiesta Stato-mafia.
Loris d’Ambrosio che verrà omaggiato subito anche dal guardasigilli: “Lo cito volutamente in questa sede e lo indico – spiega la Severino -  come esempio a voi giovani magistrati perché sono sicura che, se fosse ancora tra noi, vi inviterebbe a mantenere la schiena dritta, l’equilibrio e il senso del rispetto delle istituzioni anche qualora si venga ingiustamente accusati o esposti ad ogni forma di aggressione, poiché forse proprio in questa capacità di resistenza al condizionamento si concreta la qualità più alta del magistrato”. Prima di passare la parola al presidente, il Ministro Severino ha voluto ricordare, come già fece in occasione del taglio del nastro della scuola, il ruolo importante delle istituzioni che collaborano: “Una scommessa vinta” per il sistema toscano.

Tocca al presidente. Anch’egli dedica all’ex consigliere per gli affari dell'amministrazione della giustizia gran parte del suo discorso. “Si è tentato da qualche parte di mescolare tale iniziativa, di assoluta correttezza istituzionale, con il travagliato percorso delle indagini giudiziarie sulle ipotesi di trattativa Stato-mafia negli anni '90, insinuando nel modo più gratuito il sospetto di interferenze - smentite da tutti gli interessati - da parte della Presidenza della Repubblica. Quel tentativo, condotto attraverso i canali di un'informazione sensazionalistica e di qualche, marginale settore politico, è durato poco; ma ne è stata pesantemente investita una persona, un magistrato di straordinaria linearità e probità, Loris D'Ambrosio”.

Oltre alle parole del capo dello Stato l’omaggio a D’Ambrosio è stato rafforzato per la dedica che lo stesso Napolitano ha fatto in un volume presentato sempre ieri a Scandicci. Testo, intitolato “Sulla Giustizia”, che raccoglie alcuni documenti del consigliere giuridico del capo dello Stato, e taluni interventi in materia di giustizia di Napolitano svolti nel corso del suo mandato. Omaggi arrivati a poche settimane dal verdetto della Consulta che si esprimerà sul conflitto di attribuzioni sollevato dal Quirinale.

Quanto vale questa scuola per il territorio lo spiega il sindaco Simone Gheri in un post su facebook: “La scuola è partita e sarà una grande occasione per la nostra città”. Ma più chiaro, è il presidente della Regione Enrico Rossi che, sempre via social network, fa capire quanto ‘respiro’ darà l’unica scuola di aggiornamento in Italia. “Infine, e non ultimo, la scuola della magistratura sarà anche un fatto economico non secondario per la Toscana. Ad una mia domanda precisa il presidente della scuola Valerio Onida ha risposto così: Prevediamo qualcosa come 40mila pernottamenti”.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm: slitta la firma, tutti i dubbi delle Regioni

  • I migliori locali low cost d'Italia, cinque sono a Firenze. Ecco dove mangiare bene e spendere poco

  • Coronavirus, nuova ordinanza regionale: le regole per negozi, supermercati e centri commerciali 

  • Ristoranti, due locali di Firenze nella classifica dei migliori ristoranti di lusso

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da lunedì

  • Coronavirus: nuovo record di contagi in Toscana, oltre 2.000 nuovi casi e 13 decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento