menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Metrocittà: Nardella assume a chiamata diretta l'ex sindaco di Signa. Opposizione all'attacco

Gandola (FI): "Vecchio adagio della sinistra, far rientrare dalla finestra chi era uscito dalla scena politica dalla porta". Gemelli (FdI): "D'altronde a Signa aveva trovato posto l'ex governatore Rossi"

"Con la nomina di Alberto Cristianini nell’organico della città metropolitana di Firenze nel ruolo di 'addetto ai rapporti con il territorio', effettuata direttamente dal sindaco metropolitano Nardella, si perpetra il solito odioso vecchio adagio tipico della sinistra: far rientrare dalla finestra chi era uscito dalla scena politica dalla porta". Così Paolo Gandola, consigliere metropolitano di Forza Italia nel Centrodestra per il cambiamento.

"E pensare - continua Gandola - che proprio in queste settimane, in tutti i Comuni dell’area metropolitana di Firenze, i gruppi consiliari di Forza Italia hanno presentato un atto per chiedere alla città metropolitana un abbassamento dell’aliquota Tefa, direttamente collegata alla Tari, di 4 punti percentuali, un modo per venire incontro alle nuove esigenze finanziarie di molti operatori, imprenditori e cittadini stretti nella morsa della crisi, ma ovunque ci è stato risposto che i bilanci della città metropolitana non possono essere messi a rischio da riduzioni di gettito e quindi gli atti sono stati bocciati".

"Oggi - conclude il consigliere forzista - scopriamo però che il risparmio non è una priorità assoluta, in quanto a fronte di impossibili risparmi che avrebbero fatto comodo ai cittadini, la stessa città metropolitana si sobbarca per i prossimi tre anni una nuova figura alle dirette dipendenze del sindaco Nardella, l’ex sindaco di Signa Alberto Cristianini. Siamo sbalorditi e scandalizzati".

Gemelli (FdI): "Comportamento intollerabile" 

"Dove piazzare l'ex sindaco? Ecco la risposta che già era nell'aria da tempo - attacca anche Claudio Gemelli, consigliere metropolitano di FdI nel Centrodestra per il cambiamento - mentre sul nostro territorio imperversa una crisi economica che presto si tradurrà in un serio problema occupazionale, c'è chi viene 'sistemato' negli uffici della città metropolitana. Purtroppo non è la prima volta che assistiamo a un sistema del genere che in Toscana abbiamo già conosciuto".

"Del resto - aggiunge Gemelli - già a Signa aveva trovato posto l'ex governatore della Toscana Rossi, nominato assessore. Francamente, diventa intollerabile un comportamento che assume più le sembianze di un antipatico privilegio riservato ai politici arrivati a fine mandato. Chiederemo spiegazioni nelle opportune sedi istituzionali".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento