rotate-mobile
Politica

Menù scolastici, guerra totale: vietato l'accesso al consigliere regionale

A Santa Maria a Coverciano porte chiuse per Stella (Fi): "Prendono ordini dall'assessore"

Si è recato alla scuola per verificare il menù scolastico e gli scarti ma non è stato fatto entrare. E' l'episodio capitato questa mattina alla scuola di Santa Maria a Coverciano al vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana, Marco Stella (Forza Italia), impegnato da diversi giorni in una battaglia per cambiare il menù dei bambini.  

A darne notizia è stato Stella nel corso di una comunicazione in apertura dei lavori d'aula dell'Assemblea toscana. Stella ha anche inviato una lettera al sottosegretario al Miur Gabriele Toccafondi per informarlo della vicenda e chiedere "che gli ispettori ministeriali svolgano controlli" nelle mense e sull'alto grado di scarti di cibo dopo il cambio del menù.

"Ieri sono entrato in una scuola e non ho avuto nessun problema - ha spiegato Stella - oggi mi è stato detto che non potevo entrare. Il preside mi ha detto di aver parlato con l'assessore comunale (il vicesindaco Giachi ndr) e con la direzione istruzione del Comune di Firenze e che non ero autorizzato. Mi è sembrato strano che il dirigente di un istituto statale prenda ordini da un assessore o dalla direzione istruzione comunale" e definito "inaccettabile che a un consigliere regionale sia stato negato l'accesso a una scuola su sollecitazione di un assessore comunale".

Il Presidente del Consiglio Eugenio Giani ha stigmatizzato l'episodio e manifestato la volontà di chiarire il tutto: "Stasera dopo la fine del Consiglio chiamerò il sindaco di Firenze" per chiedere spiegazioni, "visto anche che la Regione su queste materie ha un ruolo attivo".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Menù scolastici, guerra totale: vietato l'accesso al consigliere regionale

FirenzeToday è in caricamento