rotate-mobile
Politica

Pd e Italia Viva trovano la quadra, il nuovo difensore civico toscano è Lucia Annibali. La destra protesta e lascia l'aula

Protestano Movimento 5 Stelle e Fratelli d'italia: "Pagina triste". Pd e Iv: "Candidatura di qualità, autorevolezza che rafforza la carica"

Lucia Annibali, 45 anni, è il nuovo difensore civico della Regione Toscana. Alla quarta votazione il Consiglio regionale ha eletto ieri a maggioranza, con 23 voti, alla carica istituzionale di garanzia l'avvocato ed ex parlamentare di Italia viva, tragicamente nota alle cronache dall'aprile 2013, quando l'ex compagno Luca Varani, poi condannato a 20 anni, mandò due sicari a sfregiarla con l'acido.

La querelle sul difensore civico - sul quale si giocavano scontri tra Pd e Itaila Viva su precari equilibri per tenere in piedi la maggioranza Giani - andava avanti da tempo e la scelta di Annibali, oltre a bruciare i primi tre scrutini, a causa del quorum di maggioranza qualificata richiesto, ha portato ad un duro strappo con l'opposizione di centrodestra, che ha abbandonato l'aula dell'assemblea al momento della votazione.

Negli scorsi mesi sembrava che la nomina dovesse cadere su Titta Meucci, esponente di Italia Viva attualmente assessora nella giunta Nardella. Al suo posto, al sindaco Renzi avrebbe imposto Gabriele Toccafondi, ex parlamentare di IV non rieletto alle ultime elezioni ed ora, 'solo' consigliere comunale a Sesto Fiorentino, alla disperata ricerca di un ruolo più "consono" al suo curriculum (che lo ha visto a lungo nelle fila di Forza Italia, Pdl poi Pd con Renzi e infine Italia Viva). Sul nome di Meucci si fece sentire anche l'Associazione nazionale dei difensori civici, parlando di "vicende toscane che intendono snaturare la figura del Difensore Civico, Garante indipendente a tutela del Cittadino", protestando per un'eventuale nomina che per l'Associazione si configurava "sostanzialmente come merce di scambio fra taluni partiti". Ora Pd e Italia viva hanno trovato la quadra su Annibali, nome che circolava già da qualche giorno.

Salta l'operazione Meucci e Nardella evita l'ingresso di Toccafondi in giunta

"Oggi abbiamo assistito ad una delle pagine più tristi della storia della democrazia della nostra Regione - attacca il capogruppo in Regione di Fdi Francesco Torselli -. La figura del difensore civico, che dovrebbe funzionare da garante degli interessi rispetto alla pubblica amministrazione, è stata barattata da Pd e Italia viva per tenere in piedi la maggioranza. Un caso che ha portato alla berlina di tutte le cronache politiche nazionali il buon nome della nostra Regione. Auspico che, appena la dottoressa Annibali diventerà difensore civico, per prima cosa prenda le distanze dal partito che l'ha eletta".

“Non c'è stato alcun coinvolgimento delle opposizioni. Una figura terza, competente ed estranea ai partiti sarebbe stata auspicabile. Se la nomina è fiduciaria, ci domandiamo: può un Difensore civico essere imparziale se la sua nomina è fiduciaria?”, chiedono le pentastellate Irene Galletti e Silvia Noferi.

Alle contestazioni per arrivare alla designazione di Annibali fa seguito ovviamente la difesa sia del Pd, con con il capogruppo Vincenzo Ceccarelli, che di Italia viva.

"Si tratta di una candidatura di qualità - sostiene l'esponente dem -. Ha tutte le carte in regola per rivestire il ruolo. Il fatto che non sia una candidata coinvolta nelle dinamiche territoriali può essere un ulteriore elemento di imparzialità. L'eccepire sul metodo, come hanno fatto le forze politiche di opposizione, nasconde la difficoltà a contestare nel merito la proposta di Lucia Annibali. Le critiche sul metodo non sono sufficienti a giustificare addirittura il non voto".

"Nel proporre l’avvocato Lucia Annibali abbiamo coniugato qualità umane, competenza e merito in una donna di altissimo valore etico e professionale. In questo ringrazio i colleghi del Consiglio Regionale della Toscana che hanno condiviso e votato insieme a me Lucia Annibali Difensore Civico regionale. Una donna che senza dubbio alcuno non ha bisogno di prendere lezioni di difesa civica, è infatti emblema di lotta contro ingiustizie, violenze e prevaricazioni. Annibali saprà rafforzare la coesione sociale in Toscana, tutelare le parti più deboli e migliorare il senso di cittadinanza dei toscani. La sua elezione dà forza e autorevolezza a questo organismo", le parole pronunciate invece da Stefano Scaramelli, vicepresidente del consiglio regionale in quota renziana.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pd e Italia Viva trovano la quadra, il nuovo difensore civico toscano è Lucia Annibali. La destra protesta e lascia l'aula

FirenzeToday è in caricamento