menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Appalti Consip, Lotti indagato. E lui: "Non esiste"

Lo scrive il Fatto Quotidiano: la fuga di notizie avrebbe permesso la bonifica della centrale

Il ministro dello Sport Luca Lotti, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio del governo Renzi, indagato dalla procura insieme al Comandante Generale dei Carabinieri Tullio Del Sette e al Comandante dei Carabinieri della regione Toscana Emanuele Saltalamacchia, per la fuga di notizie sull'inchiesta della procura di Napoli sugli appalti Consip. E' la notizia che riporta stamani il Fatto quotidiano, secondo cui la magistratura sospetta a suo carico i reati di favoreggiamento e rivelazione di segreto d'ufficio.

La fuga di notizie secondo gli inquirenti avrebbe consentito la bonifica ambientale degli uffici dei vertici Consip dalle cimici fatte mettere dai magistrati nella sede nazionale di via Isonzo a Roma. Motivo per cui i pm napoletani titolari dell'inchiesta su Consip Henry John Woodkock, Celeste Parrano, Enrica Parascano hanno trasmesso per competenza le carte sulla fuga di notizie alla Procura di Roma guidata da Giuseppe Pignatone. Il quotidiano diretto da Marco Travaglio riporta, insieme alla notizia dell'indagine sul ministro, anche la sua risposta che è "no" alla domanda se sia sua la responsabilità di aver informato l'ad di Consip Luigi Marroni dell'inchiesta in corso sulla società del Governo da lui amministrata. 

Lotti ha affidato il suo commento a Facebook: "Dopo settimane di lavoro molto intenso tra referendum, crisi di governo e primi passi del nuovo impegno come ministro mi ero preso un giorno di ferie per la prima recita di Gherardo, mio figlio. Oggi però un giornale scrive che sarei indagato per rivelazioni di segreto d'ufficio in una inchiesta che vedrebbe indagato persino il Comandante generale dell'Arma dei carabinieri. E' una cosa che semplicemente non esiste. Inutile stare a fare dietrologie o polemiche. Sto comunque tornando a Roma per sapere se la notizia corrisponde al vero e, in tal caso, per chiedere di essere sentito oggi stesso - spiega Lotti -. E' una cosa che non esiste e non ho voglia di lasciarla sospesa. Noi non scappiamo dalle indagini: siamo a totale disposizione di ogni chiarimento da parte dell'autorità giudiziaria. La verità - del resto - è più forte di qualsiasi polemica mediatica e non vedo l'ora di dimostrarlo. Buon Natale a tutti"

"Confermo la stima che ho verso Luca Lotti, che è anche un amico. Ho visto che nella sua prima reazione", postata su Facebook, "è già stato molto chiaro. Ha dimostrato chiarezza e tranquillità", ha commentato il sindaco Dario Nardella. "Ovviamente - ha concluso il primo cittadino - la fiducia nell'operato della magistratura è doverosa e confermata".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Casi coronavirus: 520 nuovi casi positivi e 21 decessi

  • Sport

    Nuovo stadio: vertice a tre in Palazzo Vecchio

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento