rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Politica

La Lega contro la Tav: “Manca l’autorizzazione paesaggistica”

La Lega Nord ha presentato un esposto in Procura riguardo presunte autorizzazioni mancanti sui cantieri Tav. Razzanelli: "Nel frattempo i lavori per la nuova stazione ai Macelli sono in pieno svolgimento"

Una voragine nei cantieri di Bologna, fu questo a far scattare l’allarme sul caso Tav Firenze. Il novembre scorso associazioni e consiglieri comunali chiedevano al sindaco Renzi di bloccare i lavori in via cautelativa. Mancava, a detta loro, l’osservatorio ambientale cioè l’organo predisposto per la gestione dei cantieri e dell'impatto ambientale sulla popolazione. Oggi la protesta è sempre a carattere ecologico sebbene si parli di autorizzazioni. "Dalla documentazione in nostro possesso risulta che manchi l'autorizzazione paesaggistica non solo per la Foster ma anche per la precedente stazione Zevi". Lo sostiene la Lega Nord di Firenze, che ha presentato un esposto in procura a Firenze sul progetto Tav in città. "Ho depositato lunedì scorso un esposto alla procura - spiega il consigliere comunale Mario Razzanelli - perché dalla documentazione in nostro possesso risulta che manchi l'autorizzazione paesaggistica non solo per la Foster ma anche per la precedente stazione Zevi. Nel frattempo i lavori per la nuova stazione ai Macelli sono in pieno svolgimento, in assenza di queste autorizzazioni. Decade la tesi di Moretti che per la costruzione della stazione Foster sarebbero valide quelle per la stazione Zevi. Le leggi e i regolamenti devono valere per tutti anche per le Ferrovie ed per il loro amministratore".

 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Lega contro la Tav: “Manca l’autorizzazione paesaggistica”

FirenzeToday è in caricamento