rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Politica

Cantieri tramvia, Forza Italia presenta i 20 punti in favore dei commercianti

Dall'abbattimento di Tia, Cosap e Cimp, alla riduzione dell'Imu, per arrivare al finanziamento da 1 milione di euro sottratto dalla tassa di soggiorno per i commercianti che non licenzieranno personale

Sono 20 i punti presentati quest’oggi da Forza Italia in favore delle attività commerciali penalizzate dai cantieri per la realizzazione delle linee 2 e 3 del sistema tramviario di Firenze. “I lavori della linea 1 della tramvia- sottolineano i forzisti in Consiglio comunale Marco Stella, Mario Razzanelli, Jacopo Cellai e Mario Tenerani- dovevano durare tre anni, sono durati sette anni ed hanno visto chiudere 300 attività commerciali”.

Per questo, visto che “sono oltre mille le attività interessate dai lavori, chiediamo di intervenire subito per andare incontro alle esigenze per salvaguardare un tessuto produttivo importante della nostra città”. La ricetta proposta da Fi ricalca in parte quella già sperimentata a Bologna e Torino: “Abbattiamo Tia, Cosap, Cimp ed Imu”, spiega il capogruppo Stella. Che picchia duro anche sulle strategie di Palazzo Vecchio sul versante della comunicazione al cittadino: “Non basta mettere a disposizione un tecnico una volta alla settimana a rispondere ai quesiti dei cittadini che ancora non hanno capito cosa accadrà”.

I PUNTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI FORZA ITALIA - Tra i 20 punti presentati all’amministrazione da Forza Italia c’è, tra l’altro, la “moratoria dei pagamenti acqua, gas, energia elettrica”; lo stanziamento di “1.000.000 di euro, derivanti dall’imposta di soggiorno a sostegno delle imprese, per esempio per pagare i contributi Inps alle attività commerciali interessate dai lavori della tramvia che si impegnano a non licenziare”; l’ingresso nel nuovo centro commerciale in via di Novoli di attività commerciali interessate dai lavori; un tavolo permanente sulla linea 2 e 3 della tramvia con il compito di eseguire un monitoraggio costante dei lavori, a cui abbiano accesso tutte le forze politiche presenti in Consiglio ma anche i rappresentanti dei commercianti, degli artigiani e dei residenti; l’abbattimento del 100% di Tia, Cosap e Cimp per i commercianti a cui i cantieri impedito il totale esercizio dell’attività; una riduzione dell’Imu dal 20% all’80% per artigiani titolari degli immobili nei quali è svolta l’attività.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cantieri tramvia, Forza Italia presenta i 20 punti in favore dei commercianti

FirenzeToday è in caricamento