Domenica, 19 Settembre 2021
Politica Sesto Fiorentino

Imbrattata la sede PD di Sesto Fiorentino

Solidarietà del sindaco Lorenzo Falchi

credits Pd Sesto Fiorentino

Imbrattata nella notte la bacheca della sede Pd di Piazza Ginori.  Il segretario PD sestese, Massimo Labanca, spiega che è già sporta denuncia contro ignoti al commissariato locale. "Siamo sconcertati per le scritte ingiuriose che hanno imbrattato le bacheche della nostra sede in Piazza Ginori. Un gesto vile e codardo che colpisce tutta la comunità del Partito Democratico di Sesto Fiorentino. L'attacco a una sede di un partito è un atto intimidatorio inutile e perdente, chi usa la violenza rispetto al confronto democratico non vince mai".

"Visto quanto accaduto abbiamo sporto denuncia contro ignoti presso il Commissariato della Polizia di Stato di Sesto Fiorentino e abbiamo immediatamente ripulito le scritte sulla bacheca. Ci auguriamo che simili atti non si ripetano, noi continuiamo il dialogo e l'ascolto della città, la buona politica è la miglior risposta che possiamo dare".

Solidarietà è stata espressa dal sindaco Lorenzo Falchi: "Abbiamo appreso del grave episodio avvenuto la notte scorsa. A nome mio e dell'Amministrazione comunale esprimo vicinanza e solidarietà al Partito Democratico di Sesto Fiorentino, al suo segretario e a tutti i militanti. La tradizione democratica della nostra città non può tollerare atti che sono da condannare con la massima fermezza, poiché estranei al leale confronto di idee e punti di vista tra donne e uomini che hanno a cuore la propria comunità".

Solidarietà al Pd è stata espressa dalle forze politiche della maggioranza: Sinistra Italiana Sesto Fiorentino, l'associazione Per Sesto e tutti i gruppi consiliari di maggioranza. "Il leale confronto politico non può e non deve mai travalicare le regole della democrazia, traducendosi in atti che non possono e non devono essere sottovalutati".

 

 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imbrattata la sede PD di Sesto Fiorentino

FirenzeToday è in caricamento