Fase 2, da Renzi siluro su Conte: "Basta attacchi a libertà e Costituzione"

Malumori nella maggioranza, governo nel mirino sulle riaperture

"Ho impedito i pieni poteri a Salvini". Come dire, figuriamoci se li voglio per Conte. Matteo Renzi stoppa il premier Conte e la sua gestione dell'emergenza. "Continuare a intervenire sulle libertà costituzionali in questo modo è sbagliato e costituisce un pericoloso precedente", ha detto a chiare lettere criticando le modalità in cui il governo sta gestendo l'emergenza coronavirus, accusato da più parti di usare mezzi mediatici e scavalcare il Parlamento.

"La libertà di movimento, la libertà religiosa e tutte le altre libertà non sono 'consentite' da un Governo: la libertà viene prima del Governo. La libertà legittima il Governo, non viceversa. Quando succede il contrario, sono tempi bui per tutti. E se anche rimanessi il solo a dirlo, continuerò a farlo ad alta voce", ha aggiunto Renzi.

"La cosa più logica sarebbe che il presidente del consiglio trasformi il dpcm in un decreto legge che vada in Parlamento e su cui discutere tutti insieme", ha spiegato intervenendo alla trasmissione "DiMartedì", su La7. "Ha ragione chi dice che dobbiamo riaprire con intelligenza, io dico soltanto che Francia, Germania e Spagna hanno chiuso meno di noi, e le aziende che non hanno chiuso ci stanno portando via fette di mercato. Io non dico di riaprire alla carlona, teniamo aperti certi settori. Il parrucchiere di Bastia Umbra è diverso da quello di Piacenza", ha proseguito.

Il leader di Italia Viva ha sottolineato di non voler mettere in bilico il governo, in un momento così delicato. Ma certo non è la prima volta che, dopo aver fatto nascere il Conte-bis, non si lascia sfuggire l'occasione di una stoccata. E i bisbiglii dello "stai sereno" continuano a risuonare, in attesa di un "assalto" più consistente quando l'emergenza si sarà attenuata.

"Il problema non è il rapporto con il Governo: noi voteremo comunque a favore del decreto legge del ministro Gualtieri su liquidità e aiuti, sperando che i soldi arrivino prima possibile nelle tasche degli italiani", ha precisato.

Una presa di posizione che, però, mette a nudo ancora una volta le contraddizioni nella maggioranza: le critiche al Presidente del Consiglio non arrivano solo dalle opposizioni. Anzi.

La sortita di Renzi costringe anche il Pd ad uscire allo scoperto. Il segretario Zingaretti esclude che i Dpcm stiano "calpestando la Costituzione", come ha detto il leader di Italia Viva, ma nel Pd si teme di pagare il prezzo delle mosse dell'esecutivo. E i malumori serpeggiano, alimentati dalle scelte sulle riaperture. 

Allo stato attuale non si vede una maggioranza alternativa a quella attuale e pare assai improbabile che il Movimento 5 Stelle possa digerire il sacrificio di Conte. Ma la situazione è in continua e rapida evoluzione: la crisi post emergenza sanitaria potrebbe far emergere una situazione sociale in ebollizione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due pizzerie di Firenze tra le migliori 50 d'Italia

  • Incendio in centro: scooter in fiamme / FOTO 

  • Baby K a pranzo al circolo: "Adora la cucina toscana" / FOTO

  • Coronavirus: gita in Sicilia, focolaio nel Chianti

  • Cosa fare nel fine settimana a Firenze

  • Viabilità: A1, chiudono l’uscita Firenze Scandicci e il parcheggio di Villa Costanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento