Politica

Giani: "Mascherine all'aperto anche in Toscana. Alla sanità ora penso io"

Il neo governatore pronto a firmare l'ordinanza come primo atto

Alla sanità "ci penso io in questo lasso". E non appena si insedierà "se la decisione non sarà presa prima dal governo sarò io a firmare un'ordinanza per la mascherina obbligatoria all'aperto". Sono le parole del neo governatore Eugenio Giani in un'intervista sulla cronaca fiorentina del quotidiano La Repubblica

Giani è dunque pronto a prendere in mano direttamente l'emergenza sanitaria nella Regione. Per adesso sarà lui a gestire la sanità in Toscana, almeno nella prima fase. Ma se in questa fase sarà lui a tenere le deleghe della sanità dice di non aver ancora deciso, "ma è una prassi che alcuni (governatori, come De Luca ndr) stanno adottando".

Giani nell'intervista parla anche dei tempi del suo insediamento, specificando che entrerà in carica "da metà settimana". "Da allora decorreranno 10 giorni per riunire il primo consiglio. - spiega - Vediamo se sarà possibile il 16 o il 19 la prima seduta. In quella data formalizzerò la giunta, come dice la legge", specificando che "sono molto rispettoso delle istituzioni".

"Il mio auspicio è che Italia Viva entri in giunta", ha sottolineato poi. Il neo consigliere del Pd Iacopo Melio (il più votato a Firenze) avrà una "delega speciale sul fronte dei diritti" e quindi non sarà in giunta. Ci sarà un assessore per Sinistra civica ecologista ma non per la lista "Orgoglio Toscana", per il quale pensa ad una "rappresentanza negli enti".

Fra le altre cose Giani ha anche confermato l'ipotesi di creare i cosiddetti "Uffizi 2": "Con Schmidt e con l'Università abbiamo parlato dell'ipotesi di utilizzare la villa medicea di Careggi, di proprietà della Regione". "Da lì potrebbe partire un pulmino che porti i turisti nelle altre ville medicee dirottando i grandi flussi dal centro", ha concluso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giani: "Mascherine all'aperto anche in Toscana. Alla sanità ora penso io"