Politica

Fratelli d'Italia contro l'assessore Sacchi: "Hotel per un amico a spese del Comune". La replica: "Falso, ho pagato io. Li querelo"

I consiglieri regionale Torselli e comunale Draghi diffondono un video con la presunta spesa, l'assessore però pubblica la documentazione con la spesa a proprio carico

I consiglieri di Fratelli d'Italia Draghi e Torselli nel video su Facebook

Fratelli d'Italia contro l'assessore comunale alla cultura Tommaso Sacchi. Secondo i consiglieri regionale Francesco Torselli e comunale Alessandro Draghi l'assessore avrebbe pagato il soggiorno in un hotel di Parigi, dove l'assessore era in visita istituzionale, ad un amico, a spese del Comune. Torselli e Draghi hanno diffuso un video dove si vede un documento con una cifra di circa 300 euro, che secondo i consiglieri del partito di Giorgia Meloni costituirebbe la spesa per l'assessore e per l'amico nell'albergo parigino.

“Nel gennaio del 2020 il sindaco Nardella e l’assessore Sacchi hanno fatto un viaggio istituzionale a Parigi. I due, però, hanno ospitato una terza persona, che non fa parte dello staff né del sindaco né dell’assessore. Questa persona è stata ospitata in albergo dall’assessore Sacchi, che ha prenotato una camera doppia e pagato una doppia tassa di soggiorno. Il problema è che il pernottamento di quest’altra persona è stato messo in conto al Comune di Firenze”, è l'accusa che rivolgono Torselli e Draghi.

"O l'assessore giustifica perché i contribuenti fiorentini hanno dovuto pagare il pernottamento a Parigi di una persona che niente ha a che fare con il Comune di Firenze, oppure si dimetta”, chiede Draghi.

Immediata arriva però la secca replica e la smentita dello stesso assessore Sacchi, che assicura di avere pagato di tasca propria la spesa relativa al soggiorno dell'amico, pubblicando anche la relativa documentazione, e annuncia querela nei confronti dei due esponenti di Fratelli d'Italia.

"Contro di me accuse infondate e falsità, rendo subito pubbliche le opportune documentazioni e mi tutelerò in sede legale - dichiara Sacchi -. Nessuna spesa che non rientrasse specificatamente nella missione è stata addebitata al Comune di Firenze".

“Voglio precisare, con opportuna documentazione - prosegue l'assessore in una nota -, come le spese aggiuntive relative al mio ospite, ovvero le spese di differenza tra uso singola e doppia, siano state sostenute da me attraverso il mio conto corrente personale come si evince dal bonifico allegato (CRO 06857344505 del 07/02/2020, per un totale di 74 euro, vedi sotto) e come avevo richiesto espressamente e anticipatamente via mail (mail del 20/01/20 ore 18.40). I soli costi del pernottamento mio e di nessun altro sono a carico del Comune. In tutti gli anni di lavoro presso la pubblica amministrazione non mi è mai capitata una accusa infondata di tale gravità. Ho appuntamento già oggi pomeriggio con il mio legale per tutelarmi con ogni eventuale azione opportuna nei confronti di tutti i responsabili. Non posso tollerare che accuse di questo tipo sul mio conto possano essere lasciate correre”.

Documentazione spesa dell'assessore Sacchi

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fratelli d'Italia contro l'assessore Sacchi: "Hotel per un amico a spese del Comune". La replica: "Falso, ho pagato io. Li querelo"

FirenzeToday è in caricamento