Politica

Festa dell'Unità, anche quest'anno edizione 'diffusa': si parte il 27 agosto

Da San Quirico al Galluzzo alle Panche, due settimane di incontri: dal lavoro all'economia ai diritti umani, si parlerà anche di Genova 2001 e Black lives matter

Anche quest'anno la 'Festa dell'Unità' di Firenze sarà in versione 'diffusa', come lo scorso anno. Per i dem quindi niente Cascine né tantomeno la Fortezza, le cui mega 'feste' del passato hanno fatto piangere in passato le casse del partito.

'Festival' dell’Unità, a dire il vero, come da un paio d'anni si chiama la kermesse del Pd. "La formula itinerante - si spiega dalla segreteria del partito -, è legata sia alle necessità sanitarie, quelle di non creare un unico luogo di attrazione, sia alla scelta di portare i temi di attualità in maniera più capillare possibile sul territorio cittadino".

Si parte venerdì 27 agosto (la conclusione sarà sabato 11 settembre) con una tre giorni al Circolo di San Quirico, dove saranno affrontati i temi dei diritti sociali, civili e umani.

Nella tre giorni verranno affrontati i temi dei diritti umani da più sfaccettature. Si parlerà per esempio dei 20 anni dal G8 di Genova del 2001, dove andarono in scena inaudite violenze da parte delle forze dell'ordine contro i manifestanti (Amnesty International ha definito quanto avvenuto "la più grave violazione dei diritti umani in un Paese democratico avvenuta dopo la Seconda guerra mondiale") e del movimento Black Live Matters, che ha avuto ulteriore risonanza dopo l'assassinio negli Stati Uniti dell'afroamericano George Floyd.

Poi la presentazione del libro su Mandela, dibattito sull’autodeterminazione dei popoli in collaborazione con ARCI Firenze, fino ai diritti e pari opportunità affrontando anche il tema del DDL Zan.

A San Quirico grazie alla collaborazione con la casa del Popolo sarà attivo tutte il ristorante con un menù della tradizione a prezzi popolari.

Da San Quirico la festa si sposterà ai Giardini del Galluzzo dal 30 Agosto al 8 Settembre, con la ristorazione dello storico stand di “Pasta fresca”.

Ai giardini del Galluzzo si concentrerà il fulcro della festa con incontri che vedranno protagonisti il sindaco Dario Nardella, il presidente della regione Eugenio Giani "e altri nomi importanti della scena politica nazionale", assicura il segretario fiorentino del Pd Andrea Ceccarelli. Anche se per le conferme dei nomi c'è da aspettare gli ultimi giorni.

Si parlerà poi di digitalizzazione, urbanistica e ambiente, sanità e lavoro, diritti nello sport e saranno coinvolti i sindacati sul tema “lavoro e occupazione femminile”. In linea con questo tema, il 4 Settembre alle 21 è in programma lo spettacolo di Gaia Nanni dal titolo: Gli ultimi saranno ultimi.

Il 1° 1 Settembre saranno in concerto le due band fiorentine Acquarama e Flameparade, grazie alla collaborazione con l’associazione Fiore sul Vulcano, ci sarà anche spazio per la realtà Virtuale con GoldVr. Spazio anche al confronto sul tema della crisi economica post pandemica del mondo dello spettacolo. 

Gli ultimi 3 giorni di festa saranno in altrettanti luoghi. Il 9 la festa sarà al circolo Le Panche, mentre il 10 Settembre è previsto un incontro al Circolo di Serpiolle con Gianni Cuperlo sull’anniversario dei 100 anni dalla nascita del PCI.
L’ultimo giorno della festa, l’11 settembre, sarà invece dedicato alla presentazione e al lancio delle “Agorà”, i tavoli di lavoro che il Partito Nazionale ha indetto su tutto il territorio nazionale. L’incontro sarà presso la sede del Partito in Via Forlanini e sarà coordinato da personaggi nazionali e cittadini.

“Sono felice che si possa anche quest’anno realizzare una festa che, nella situazione sanitaria attuale, possa portare al confronto la base del partito con esponenti nazionali e al tempo stesso stia sul territorio ascoltando la città. Non sarà solo la festa delle 'risposte' ma anche quella delle 'domande' a cui il partito è chiamato a rispondere nel futuro prossimo”, dice Andrea Ceccarelli, segretario del Pd di Firenze.

“La Festa rappresenta un grande sforzo organizzativo del Partito Democratico e  ringraziamo tutti i segretari di circolo, gli iscritti, i militanti e i volontari che daranno il loro contributo", aggiunge Niccolò Falomi, responsabile organizzativo del Pd di Firenze. “Abbiamo cercato - conclude Mirco Dinamo Rufilli, responsabile organizzazione del Festival dell’unità -, di dare continuità alla festa dello scorso anno confermando il buon risultato, visto sopratutto il periodo difficile per le questioni sanitarie, dando però compattezza e concretezza. Logisticamente quindi meno luoghi ma più iniziative in presenza, spazio alla cultura e alla tradizione, alla politica, sia locale che nazionale, e ai temi che oggi sono fondamentali: il lavoro e i giovani”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa dell'Unità, anche quest'anno edizione 'diffusa': si parte il 27 agosto

FirenzeToday è in caricamento