Nazi-fascismo, stretta del Comune: 'patentino' antifascista per eventi pubblici

Approvata dal Consiglio comunale la delibera che modifica lo Statuto

E' stata approvata oggi dal consiglio comunale, a larghissima maggioranza, la delibera che modifica lo Statuto comunale, introducendo di fatto l'obbligo di una autocertificazione, una osrta di 'patentino, di contrarietà a fascismo, nazismo, razzismo e omofobia per tutti coloro che vorranno organizzare eventi pubblici su spazi, suolo pubblico e sale di proprietà comunali.

La stretta è arrivata dopo l'esplodere, negli ultimi mesi, di manifestazioni o intimidazioni di gruppi di estrema destra che si richiamano esplicitamente al fascismo o al nazismo, come, ad esempio, le intimidazioni a Como nei confronti di un'organizzazione pro migranti e a Roma sotto la sede di Repubblica.

In concreto, l'atto approvato, dopo aver ricordato che “il Comune di Firenze fonda la propria azione sui principi e valori della Costituzione italiana e della Resistenza, in quanto città insignita della Medaglia d'Oro al Valor Militare per la sua attività nella lotta antifascista e partigiana durante la Seconda Guerra Mondiale”, introduce un nuovo articolo, il 5 bis, e un nuovo comma, l'1 bis dell'art. 6.

All'art. 5 bis si legge che “il Comune opera […] contrastando l'ideologia nazi-fascista, in quanto contraria alla Repubblica e alla Costituzione nate dalla Resistenza e antitetica agli ideali della Città di Firenze, che l'ha concretamente combattuta”. Il comma 1 bis dell'art. 6 aggiunge che “il Comune opera […] per facilitare la concreta attuazione dei principi costituzionali e il loro rispetto, anche contrastando la propaganda di immagini e/o comportamenti dai contenuti fascisti, razzisti, omofobi, transfobici e sessisti”.

Le modifiche sono state approvate a larghissima maggioranza, con 31 sì (Pd, Firenze riparte a Sinistra, Firenze Viva, M5S, Alternativa Libera, Articolo 1 – Mdp) e 4 voti contrari (i consiglieri di Forza Italia e FdI).

"Grande soddisfazione per aver inserito tra i principi e i valori sui quali il Comune fonda la propria azione il valore della Resistenza” è stata espressa dai dem Francesca Paolieri e Niccolò Falomi, quest'ultimo primo firmatario dell'ordine del giorno, approvato, per cui “chiunque intenderà organizzare un’iniziativa su area pubblica dovrà farlo nel rispetto dei principi dello statuto e della Costituzione impegnandosi con una dichiarazione esplicita di rispetto dei valori antifascisti sanciti dall’ordinamento repubblicano”.

“Da oggi lo stop alle manifestazioni neonaziste e fasciste a Firenze è realtà. Siamo soddisfatti e orgogliosi di aver contribuito a questo risultato. Perché non bastano le parole, ma servono atti concreti”, commentano i consiglieri di Firenze riparte a Sinistra, Tommaso Grassi, tra coloro che più si è speso per la modifica, Donella Verdi e Giacomo Trombi.

Un sì alla modifica “contro ogni fascismo, in qualsiasi forma si manifesti, perché dove c'è fascismo non c'è libertà”, espresso da Miriam Amato (AL). “Un sì convinto, perché è necessario ribadire di non essere fascisti”, anche da Arianna Xekalos (M5S), che in commissione si era astenuta, e da Cristina Scaletti (La Firenze Viva). “Fieri delle modifiche. La nostra Costituzione, come diceva Calamandrei, va fatta vivere ogni giorno”, aggiungono Stefania Collesi e Alessio Rossi (Mdp).

Voti contrari come detto, dai consiglieri di Forza Italia (Jacopo Cellai, Mario Razzanelli e Mario Tenerani) e Fratelli d'Italia (Francesco Torselli): “Una modifica inutile se non illegittima nel merito, perché niente cambia né potrebbe cambiare rispetto a quanto prevede la legge italiana sulla libertà di parola. Chi giudicherà quali saranno le manifestazioni autorizzate e quelle da mettere all’indice: una commissione? Il Partito Democratico? L’ANPI? Una giuria Popolare? A distribuire il patentino su chi possa esprimere le proprie opinioni ci pensano loro: i paladini della democrazia”, il commento dei consiglieri delle destre cittadine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ai quali replica Paolieri (Pd): “Ricordatevi che siamo qui a fare questa discussione perché ha vinto la parte giusta, l'antifascismo, grazie al quale è nata l'istituzione democratica dove oggi discutiamo. Se non avesse vinto l'antifascismo non avremmo potuto essere qui a discutere”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le espressioni che solo un vero fiorentino riesce a capire

  • 10 modi di dire fiorentini che dovresti conoscere

  • 15 Ghost-Town della Toscana che dovreste visitare

  • I veri nomi fiorentini e toscani

  • La vera ricetta della cecina

  • Come cucinare il lampredotto alla fiorentina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento