Martedì, 15 Giugno 2021
Elezioni regionali Toscana 2020

Regionali, dal Consiglio di Stato 'no' definitivo: Roberto Salvini escluso dalle elezioni

Simbolo 'confondibile', l'altro Salvini (ex Lega) non potrà correre alle regionali

L'altro Salvini, Roberto, o il Salvini pisano, come viene definito, non potrà correre alle elezioni regionali del 20 e 21 settembre. L'esclusione definitiva è arrivata ieri sera dal Consiglio di Stato, che ha confermato la sentenza del Tar.

Roberto Salvini, consigliere regionale uscente, eletto 5 anni fa con la Lega e poi espulso dal Carroccio, si era presentato a candidato presidente con la lista 'Patto per la Toscana - Roberto Salvini presidente'.

La prima esclusione, circa una settimana fa, era arrivata dall'ufficio elettorale della Corte d'Appello di Firenze. Quindi è arrivata la conferma dell'esclusione da parte del Tar e, dopo il nuovo ricorso di Salvini, la conferma della pronuncia del Tar da parte del Consiglio di Stato e quindi l'esclusione definitiva.

L'esclusione è avvenuta perché il simbolo è ritenuto confondibile con la lista 'Lega Salvini Premier'. Soprattutto, il cognome 'Salvini' in entrambi i casi risulta scritto in giallo e in caratteri di analoga dimensione (mentre il nome 'Roberto' è scritto in piccolo, in foto in basso il simbolo).

"Mi sento penalizzato, se la mia lista avesse appoggiato un altro candidato presidente e non avesse corso da sola probabilmente non sarei stato escluso", ha commentato Roberto Salvini.

Per la Lega pare invece una buona notizia: in molti dicono che anche nell'elezione di 5 anni fa il 'Salvini pisano' sfruttò il cognome per entrare in consiglio regionale.

E il timore che potesse portare via qualche voto, questa volta che si presentava da solo, tra gli esponenti del Carroccio c'era. Adesso restano 7 i candidati presidenti alle elezioni regionali del 20 e 21 settembre prossimi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali, dal Consiglio di Stato 'no' definitivo: Roberto Salvini escluso dalle elezioni

FirenzeToday è in caricamento