Minacce e insulti via web al ristorante: nel Fiorentino 'salta' un altro pranzo elettorale della Lega

Si tratta del secondo episodio dopo quello del 28 agosto a Bagno a Ripoli

Foto di Nenad Maric da Pixabay

Minacce e insulti ricevuti per telefono e via web: per questo un ristorante di Pontassieve (Firenze) ha spiegato di dover rinunciare a ospitare un pranzo elettorale con Matteo Salvini, nella giornata odierna, dopo che il leader della Lega avrà incontrato alle 12.30 le persone al mercato di piazza Washington.

La rinuncia del locale segue a distanza di pochi giorni quella di un altro ristorante della provincia di Firenze, il ristorante 'Centanni' di Bagno a Ripoli, i cui titolari il 28 agosto, per motivi analoghi, preferirono disdire un pranzo con 100 persone con Matteo Salvini e Susanna Ceccardi.

“La sinistra non trova di meglio che usare metodi fascisti contro gli avversari politici e quello che è successo a Pontassieve, dopo l'analogo episodio accaduto a Bagno a Ripoli, ne è l'ennesima riprova” afferma Elisa Tozzi, capolista per la Lega nella collegio Firenze 2 (Mugello-Valdisieve-Chianti-Valdarno).

“Ciò che più sconcerta – aggiunge Tozzi - è che sia lo stesso sindaco di Pontassieve, abusando del suo ruolo istituzionale, sui social, a fomentare queste manifestazioni di odio nei nostri confronti e, di conseguenza, nei confronti dei sempre più numerosi cittadini che si riconoscono nei nostri valori e ideali”.

“Sembra che questo 'squadrismo digitale' sia ormai diventata l'unica arma della sinistra per tentare di frenare, invano, la sempre più massiccia partecipazione dei cittadini toscani alle iniziative elettorali della Lega” prosegue Tozzi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ma non si affannino troppo, questi sinceri democratici, perché non possono frenare l'irrefrenabile – conclude la capolista della Lega - noi vinceremo le elezioni regionali e, a partire dal 21 settembre, dimostreremo quel rispetto delle minoranze che la sinistra toscana non ha mai avuto negli ultimi 50 anni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm: slitta la firma, tutti i dubbi delle Regioni

  • Coronavirus: possibili 'zone rosse' in Toscana

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Montespertoli: si getta nel vuoto dopo una lite in casa, muore quindicenne

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da lunedì

  • Rifiuta di indossare la mascherina: caos in Piazza della Repubblica 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento