Martedì, 23 Luglio 2024
Elezioni comunali 2024

La settimana del ballottaggio: per Funaro torna Schlein, Schmidt punta sul fattore 'manager'

Ultimi giorni prima del ballottaggio, a Firenze torna Elly Schlein e arriva anche Bonaccini

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

Ci siamo. Inizia oggi l'ultima settimana di una lunga campagna elettorale, per Sara Funaro partita addirittura a dicembre. Ultima parola dunque ai fiorentini, domenica 23 e lunedì 24 giugno, San Giovanni, con la speranza che non troppi fiorentini disertino le urne per andare al mare. A sera, assieme ai Fochi, dopo il ballottaggio - la conta dovrebbe essere abbastanza rapida - a festeggiare sarà anche il o la nuova sindaca di Firenze, con lo sfidante Eike Schmidt che non si dà per vinto e continuerà in questi ultimi giorni il suo tour diffuso sul territorio. 

Schlein, Bonaccini, Nardella

Per la candidata del centrosinistra questa settimana tornano in città i big del Partito democratico, a partire da Elly Schlein. La segretaria nazionale era già venuta in città pochi giorni prima del primo turno, a trainare la volata di Funaro, arrivata poi oltre dieci punti sopra l'ex direttore degli Uffizi. La chiusura dei dem fu per l'occasione in piazza dell'Isolotto, visto che Cecilia Del Re era riuscita a scippare piazza Santissima Annunziata.

Questa volta la chiusura della candidata del centrosinistra sarà proprio in Santissima, venerdì 21 alle 21, ultimo giorno utile prima del silenzio elettorale, assieme alla segretaria Schlein. Il giorno prima, alle Murate, ci saranno invece il presidente del Pd Stefano Bonaccini, ormai ex presidente dell'Emilia Romagna appena eletto all'europarlamento, e altri neo parlamentari europei, gli ex sindaci di Firenze, Bari e Bergamo Dario Nardella, Antoni Decaro e Giorgio Gori. Ci sarà anche la rieletta Camilla Laureti, anche lei in quota Pd.

Fattore 'manager'

Per Eike Schmidt invece, a meno di cambiamenti dell'ultima ora, non sono previsti esponenti politici nazionali di primo piano del centrodestra: l'ex direttore degli Uffizi ha voluto giocare tutta la campagna elettorale presentandosi come "civico", e come civico, girando per la città, terminerà anche la campagna elettorale. Nel pomeriggio di oggi prima incontrerà i residenti delle case popolari di via Rocca Tedalda e poi, alle 19, prenderà parte all’inaugurazione dell’info point "sul progetto alternativo della tramvia a Campo di Marte", all'angolo tra via Marconi e via Dupré. "Sono un manager e come manager raggiungo risultati importanti", si sente ripetere nei video di sostegno diffusi sui social.

Negli ultimi giorni Funaro ha ricevuto endorsement importanti. Prima da Stefania Saccardi (ma, particolare non irrilevante, non da Italia Viva): una mossa quasi obbligata per restare nella poltrona di vicepresidente della Regione accando ad Eugenio Giani.

5 Stelle

Poi dal Movimento 5 Stelle, con le parole di sostegno arrivate dalla consigliere regionale Silvia Noferi e dal candidato sindaco Lorenzo Masi: un appoggio dei pentastellati che può far partire un percorso per arrivare insieme, Pd - 5s, alle regionali del 2025 (il 'campo largo', pur con i Cinque Stelle molto ridimensionati, ha vinto insieme al primo turno sia a Scandicci che a Prato e in queste due città inizia un governo insieme).

"Dopo i fatti gravissimi accaduti in Parlamento, con l’attacco squadrista ad un nostro deputato, con una destra che inizialmente si mostra un agnello appena e al governo rivela la sua vera natura di lupo, violenta e senza vergogna perfino nell’offendere i simboli dell’antifascismo, vi invito a riflettere bene sulla vostra scelta, insieme possiamo fare la differenza e costruire una società più giusta e solidale", le parole di Noferi - mai tenera con il Pd - nell'annunciare il sostegno a Funaro.

Schmidt potrà contare sull'appoggio di Francesca Marrazza e della sua RiBella Firenze, lista che non è però andata oltre lo 0.57%: tutt'altro che determinante, insomma, in vista del ballottaggio.

Botta e risposta

“Grazie a tutte e tutti quelli che stanno esprimendo il loro supporto alla mia candidatura, per aver riconosciuto il campo in cui schierarsi contro la peggior destra di sempre", commenta Funaro. Alla quale replica subito Schmidt.

"Continuo a leggere, nella retorica della candidata di Pd e M5S, l'espressione: ‘contro la peggior destra di sempre’. Si riferisce forse alla proposta di asili gratis per tutti? All'assistenza agli anziani? Alla semplificazione dell'amministrazione pubblica? Alla salvaguardia del verde? Agli aiuti agli artigiani, a chi cerca una casa o viene scacciato da Firenze per fare un favore agli speculatori? È la peggior destra di sempre perché vuole una città più pulita e magari con meno violenza e spacciatori? Allora è lei la peggior sinistra di sempre, piena di minacce e di ricatti, ai quali in tanti hanno piegato la testa per non perdere una poltrona. La verità è sotto gli occhi di tutti. I fiorentini sapranno giudicare", le parole dell'ex direttore degli Uffizi, destinato al prestigioso Capodimonte di Napoli in caso di sconfitta. Una settimana e Firenze avrà il (o la) successore di Nardella.

I risultati delle elezioni: chi sono i campioni di preferenze a Palazzo Vecchio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La settimana del ballottaggio: per Funaro torna Schlein, Schmidt punta sul fattore 'manager'
FirenzeToday è in caricamento