rotate-mobile
Centrodestra

Palazzo Vecchio, Sangiuliano è ottimista: “A Firenze tempi maturi per alternanza”

Il ministro ha incontrato i candidati di FdI. “Stiamo facendo un gran lavoro per la città, dal rilancio del Maggio alla riapertura del Vasariano”

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

“In tutte le democrazie occidentali si evitano le incrostazioni di potere, incrostazioni durature, e si va verso l'alternanza. Negli Stati Uniti, ad esempio New York è tendenzialmente democratica, però ha avuto sindaci come Rudolph Giuliani e Mike Bloomberg che erano repubblicani, e ben venga ciò. Ma questo deve avvenire in tutti e due i lati. Sono maturi i tempi per Firenze per avere un’alternanza, che significa appunto il sale della democrazia”. Questo l’auspicio del ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano, arrivato a Firenze per incontrare i candidati di Fratelli d’Italia e rilanciare il sostegno ad Eike Schmidt, da lui fortemente voluto come nome per il centrodestra per assaltare Palazzo Vecchio.

“Questa è una capitale naturale dell'arte e della cultura, è una città rinomata in tutto il mondo, quindi avere una professionalità aderente con i problemi della città, che sono anche i problemi della tutela e della valorizzazione del patrimonio su cui il mio ministero è fortemente impegnato, significa tanto”.

“Stiamo facendo tante cose per questa città”

A questo proposito Sangiuliano ha rivendicato il ruolo avuto dal suo dicastero per il rilancio del Maggio, “sia per quanto concerne il salvataggio materiale come risorse economiche” che per la  “capacità di individuare una professionalità come quella di Carlo Fuortes che poteva fare bene”, ma non solo. “Stiamo facendo tante cose per la città, inaugureremo il ripristino del Corridoio Vasariano, stiamo intervenendo sulla facciata di palazzo Pitti, poi ho reso museo di prima fascia quello che nasce dall'unione del Bargello con l’Accademia, poi abbiamo reso autonomo il museo archeologico dove c'è un nuovo dirigente. Stiamo facendo tanti investimenti”. E ancora, interventi sugli Uffizi, con una nuova biglietteria e nuovi accessi. “Stiamo lavorando tantissimo su Firenze convinti che il nostro patrimonio culturale è innanzitutto un grande valore spirituale. La cultura è qualcosa che ci fa star bene tutti quanti, ma rappresenta anche una straordinaria occasione di sviluppo socio-economico per la nazione e noi lavoriamo in questa direzione”.

Proprio sull’unione tra Bargello e Accademia, in merito alla nuova direzione della Galleria, ha annunciato che “a brevissimo ci sarà un bando”, dopo le elezioni. “non per colpa mia ma perché ci sono delle procedure tecniche. Quando si fa un bando, questo va poi mandato a una serie di istituzioni e uffici che poi devono dare il loro placet”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palazzo Vecchio, Sangiuliano è ottimista: “A Firenze tempi maturi per alternanza”

FirenzeToday è in caricamento