rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Centrodestra / Centro Storico

Schmidt: “Troppi minimarket, ma niente bagni pubblici. Così diventa una giungla”

Incontro con ambulanti e operatori in San Lorenzo: “Qua la somma dei problemi del centro di Firenze”

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

Sicurezza, decoro e viabilità. Le tre parole chiave della campagna elettorale di Eike Schmidt sono risuonate più volte stamani in San Lorenzo dove il candidato del centrodestra ha incontrato ambulanti e operatori del mercato centrale. “Vengo qui una volta a settimana non solo per fare la spesa, ma anche perché abbiamo un ‘prisma’ delle problematiche del centro di Firenze”.

Parlando di decoro, ascoltando le lamentele degli esercenti sul vespasiano a cielo aperto, Schmidt ha sottolineato l’assenza dei bagni pubblici, “una carenza che pervade tutto il centro di Firenze, tranne la stazione di Santa Maria Novella, dove sono a pagamento”, puntando poi l’indice sui minimarket: “Quello che succede abitualmente è che uno va lì compra otto birre, le beve una dopo l’altra, come accade anche in Santo Spirito e dopo o prendono d’assalto i pochi locali, che per legge devono avere un bagno pubblico (che però è a uso esclusivo dei clienti), oppure quando sono chiusi fanno i bisogni davanti e diventa la giungla. È una cosa indecorosa e inaccettabile”. Così come i rifiuti lasciati in giro dai turisti dopo aver mangiato: “C’è troppa vendita di cibo precotto e incartato, mentre i ristoranti sono sempre di meno. Occorre risolvere il problema alla radice, non dare più liberamente le licenze a minimarket e paninerie. Il degrado inizia da questo: la gente si siede per mangiare e bere, anche sui sagrati delle chiese, poi ci sono poche possibilità di gettare la spazzatura la lasciano in giro, anche per maleducazione e attirano i piccioni”. 

Degrado che spesso è legato a situazioni di marginalità, con il rischio di intervenire solo sulle conseguenze senza affrontare le cause. Per l’ex direttore degli Uffizi, “è possibile dare un tetto a molte delle persone che vivono in strada, la maggior parte delle quali è lì non per scelta volontaria. Non costerebbe molto, un milione di euro”. Tuttavia, aggiunge, “bisogna stare attenti a come vengono distribuite, non dobbiamo creare nuovi ghetti”.  “Davanti a persone con difficoltà socioeconomiche e che vorrebbero cambiare la loro vita è doveroso fare quanto necessario per aiutarli a trovare un tetto senza troppe complicazioni. Per quanto riguarda coloro che hanno fragilità psicologiche è ovviamente fondamentale garantire un sostegno sociosanitario, oltre che individuare situazioni confacenti alle diverse necessità. Non dimenticando che chiunque, se costretto a vivere in strada, diventerebbe psicologicamente fragile. Proprio per queste ragioni è importante, ed economicamente sostenibile, intervenire per avvicinarci con i fatti e non a parole a una città senza senzatetto. È una questione di umanità e di decoro generale”

Le richieste del Consorzio ambulanti a tutti i candidati

Nel corso della mattinata a Schmidt è stato consegnato un volantino con otto proposte del Consorzio ambulanti del mercato di San Lorenzo, operazione che sarà poi ripetuta anche con gli altri candidati. Tra le richieste il ricollocamento dei banchi in piazza San Lorenzo e la presenza di un presidio fisso da parte delle forze dell’ordine. “C’era ma è stato tolto - dice il proprietario del bar H9 all’angolo tra via Zannoni e via dell’Ariento, lamentando una situazione invivibile tra “drogati, spacciatori e gente che dorme sotto il porticato o in mezzo di strada. A me hanno sfasciato più volte il distributore delle sigarette per provare a entrare dentro. Da anni sentiamo parlare di riqualificazione della zona del mercato, ma delle tante promesse non se n’è realizzata neanche una”.

Stella: “Parcheggio gratuito, presidio di polizia fisso”

E il ripristino di un posto di polizia interforze è una delle tre proposte lanciate da Marco Stella, coordinatore regionale di Forza Italia che ha accompagnato Schmidt nella passeggiata in San Lorenzo: “La vera Firenze nasce qua, è un luogo storico dove la tradizione, al piano di sotto, incontra l’innovazione, a quello superiore. Ma è anche un luogo dove ci sono tanti problemi. Noi proponiamo tre cose: parcheggio gratuito per almeno due ore per chi viene a fare la spesa al mercato, un posto di polizia fisso come accade nei mercati di tutta Europa e una riqualificazione complessiva dell’area mercatale, a cominciare dall’impianto di condizionamento che ancora non c’è”. 

Tornando a Schmidt, prima dell’incontro al mercato, in un’intervista a Novaradio si era soffermato invece sulla tramvia, “mai detto di volerla eliminare, dove è possibile dobbiamo salvare la frittata e trovare soluzioni alternative”, contestando i troppi alberi tagliati e puntando a modificare i tracciati per agevolare il passaggio di mezzi di soccorso e taxi.  E poi in merito alle risorse da recuperare per finanziare asili nido e doposcuola gratuiti, come proposto nei giorni scorsi, ha parlato di “spending review e gestione manageriale” attaccando il “poltronificio” del Comune con riferimento alle consulenze del settore della cultura. “Ci sono tanti sprechi comunali - ha evidenziato - Pensiamo ad esempio che ogni multa che viene notificata attraverso una ditta privata costa 14 euro, anche per quelle che sono spedite in America o in Australia e che non verranno mai pagate”.

Funaro: "Schmidt? Sulla sicurezza proposte strampalate"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Schmidt: “Troppi minimarket, ma niente bagni pubblici. Così diventa una giungla”

FirenzeToday è in caricamento