rotate-mobile
Elezioni comunali 2024

Del Re: "Mai con il Pd". Frecciate a Nardella e a Funaro: "Trenino alle Cascine? Serve ben altro" / LE IMMAGINI

Convention stile Leopolda per l'ex assessora, che rilancia su sottoattraversamento del centro e maggiore ruolo pubblico del Comune: "L'Irpef ora è la più diseguale d'Italia"

Si è tolta molti sassolini dalle scarpe Cecilia Del Re, questa mattina, alla convention del Tuscany Hall. Stile Leopolda, ventitré tavoli tematici, è stata l'occasione per lanciare la neo nata associazione Firenze Democratica: con una omonima lista, comunque vada, l'ex assessora all'urbanistica si presenterà alle elezioni amministrative dei prossimi 8 e 9 giugno.

"Siamo qui per portare avanti proposte che guardano alla Firenze del 2030, su ambiente, innovazione, viabilità. Una città che deve essere sempre più solidale, accogliente e sostenibile", dice quella che pare essere diventata una spina nel fianco non da poco per i dem cittadini. Nei confronti dei quali usa oggi espressioni dure e toni che, sebbene i rapporti fossero ai minimi termini dopo il 'no' alle primarie, non aveva ancora usato.

"Con il Pd no"

"Qui parliamo di temi, le alleanze avverranno sui programmi, non sulle persone. E se alleanze dovessero venire non è detto che sia io la candidata sindaca di una eventuale coalizione. Una cosa però è certa, escludiamo un'alleanza con il Pd, un partito che ha detto no al dialogo, chiuso nei confronti della discussione democratica", sottolinea a chiare lettere. Insomma: mai con il Pd, definito nel discorso finale, parlando in mezzo alla sala, come un "gruppo di potere che ha l'ossessione della conservazione". "Noi - si smarca invece Del Re - siamo invece qui per rimettere al centro i candidati".

A proposito del "trenino"

Molte le frecciate a Dario Nardella e a Sara Funaro. Non li chiama mai per nome, ma solo 'il sindaco uscente' e 'la candidata del Pd'. Quanto a quest'ultima, "ho sentito che per le Cascine ha proposto un trenino. Le soluzioni sono ben altre, penso ad una fondazione per rilanciare tutto il parco, come avviene in altre città europee".

Iscritti ai tavoli (che spaziano dall'abitare ai parchi urbani, dall'Arno al turismo sostenibile, dall'innovazione, alla salute, al lavoro, all'integrazione) oltre cinquecento persone, riferiscono gli organizzatori. Tra loro animano le discussioni i tre consiglieri comunali in quota Fd: Leonardo Calistri, l'ex segretario cittadino dem Massimiliano Piccioli, Stefano Di Puccio.

Ci sono anche l'ex presidente della provincia Andrea Barducci ed Alessandro Martini, ex presidente Caritas, primo per preferenze della Lista Nardella (oltre 900) alle elezioni 2019, assessore fino al giugno 2022, quando fu gentilmente messo alla porta dal primo cittadino per lasciare entrare, cedendo alle pressioni da sinistra, l'attuale assessore all'ambiente Andrea Giorgio.

"Basta rendita"

"Firenze non può vivere di rendita", prosegue l'ex assessora, che rimprovera al 'sindaco uscente' di aver mantenuto per dieci anni "l'Irpef comunale più diseguale d'Italia". Quella, cioè, allo 0,2 per cento per qualsiasi reddito. Una sorta di 'flat tax' a livello comunale.

"Così Palazzo Vecchio incassa 8 milioni di euro, mentre a Bologna, dove viene modulato in maniera progressiva fino allo 0,8 per cento per i redditi più alti, il Comune può incassare 40 milioni di euro", non si stanca di ripetere il capogruppo Calistri. Un tema, questo come altri, che avvicina Firenze Democratica alla sinistra di Dmitrij Palagi e a Tomaso Montanari, sceso pure lui nella mischia con l'Associazione XI Agosto e oggi stesso a San Bartolo a Cintoia a parlare di lavoro sicuro dopo la strage di operai al cantiere Esselunga di via Mariti. Del resto da sinistra non si dimentica che Del Re per anni, fino a un anno fa, di quella giunta Nardella che ora critica ha fatto parte.

Ruolo pubblico

Lei, Del Re, chiede ora una amministrazione "che sia in grado di svolgere un forte ruolo pubblico, a partire dall'abitare". La proposta in questo caso è quella di "acquistare immobili dismessi da destinare a case popolari, anche con gli oneri di urbanizzazione pagati dai gruppi privati per avori in città". Quanto alla sicurezza, "non è solo una questione di ordine pubblico, dobbiamo partire dalla sicurezza sociale e quindi investire di più su integrazione e fragilità". E a proposito di ordine pubblico, "non possiamo non condannare i fatti di Pisa e Firenze dei giorni scorsi perché la violenza smisurata nei confronti di una manifestazione pacifica di studenti è inaccettabile e preoccupante".

Sottoattraversamento in centro storico?

Infine, torna sulle proposte che hanno portato alla "cacciata" da Palazzo Vecchio, il tema del trasporto pubblico in centro storico (Del Re a marzo scorso propose di riconsiderare il passaggio della tramvia da piazza Duomo) e lo scudo verde. "Il centro deve essere anche accessibile ai fiorentini, altrimenti Firenze diventa un museo a cielo aperto solo per turisti. Quello del trasporto pubblico in centro è un tema che va affrontato, che sia con un sottoattraversamento o con dei mezzi elettrici su gomma", dice. Inoltre, "le linee del tram, assieme ad un trasporto più efficiente e che vada verso la gratuità, devono congiungersi anche a livello circolare, non solo concentrico".

Quanto allo 'scudo', "ora è discriminatorio nei confronti di chi non è residente a Firenze. Non è possibile andare a colpire i lavoratori che ogni giorno arrivano in città dall'area metropolitana". Fino a fine marzo, fa capire la fondatrice di Firenze Democratica, pancia a terra per buttare giù il programma e coinvolgere più persone possibile. "Dopo penseremo a nomi ed alleanze. Per presentare le liste del resto c'è tempo fino al 25 aprile". Tutto ancora in movimento dunque, aspettando che anche da destra arrivi finalmente il candidato ufficiale. Tra due settimane invece tocca alla Leopolda renziana.

FOTO - Del Re presenta Firenze Democratica: frecciate a Nardella e Funaro

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Del Re: "Mai con il Pd". Frecciate a Nardella e a Funaro: "Trenino alle Cascine? Serve ben altro" / LE IMMAGINI

FirenzeToday è in caricamento