Lunedì, 15 Luglio 2024
Il ballottaggio

Centrodestra, i conti non tornano: Schmidt perde seimila voti rispetto al primo turno

Cellai: “Brava Funaro ad aver convinto gli elettori, non solo i suoi a tornare a votare. Noi non ci siamo riusciti”

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

Seimila voti in meno rispetto a due settimane fa per Eike Schmidt, quattromila in più per Sara Funaro. Nonostante il bicchiere mezzo pieno visto dall’ex direttore degli Uffizi, “non siamo tristi, abbiamo fatto un ottimo risultato”, il dato del centrodestra al secondo turno è negativo, al di là della mera sconfitta. “Brava Sara Funaro ad aver convinto i suoi, e non solo i suoi, a tornare a votare. Noi non l’abbiamo fatto, dobbiamo assumercene la responsabilità”, il commento del coordinatore fiorentino di Fratelli d’Itala Jacopo Cellai. “Al ballottaggio storicamente abbiamo qualche problema - ammette - Comunque se avessimo riportato alle urne quelli del primo turno, non sarebbe bastato. Ma avremmo avuto la ‘la coscienza a posto’ per aver dato tutto”.

Fratelli d’Italia, che in ogni caso ha quintuplicato i consensi (da 7.617 del 2019 a 37.462) e raddoppiato i consiglieri, si riunirà nei prossimi giorni per analizzare l’esito del voto: “Ci sentivamo pronti e ci sentiamo pronti per governare la città e siamo dispiaciuti per aver mancato il traguardo.  Già nei prossimi giorni riuniremo gli organi direttivi del partito per analizzare il voto”, aggiunge Cellai.

Sempre da FdI il senatore Paolo Marcheschi dopo aver riconosciuto la sconfitta, chiama in causa la “conservazione”: “Abbiamo perso. Senza se e senza ma. I fiorentini hanno scelto. Ma stavolta ci abbiamo provato sul serio. Li abbiamo costretti ad un impensabile ballottaggio.  Non cederò alla tentazione di trovare le consuete scuse (meglio politico o civico?). Il candidato era di grande qualità, ha proposto programmi concreti e innovativi, ma a Firenze se ti presenti con il sostegno del centrodestra, nessuno neanche li leggerà”. Una lettura simile a quella che aveva dato per primo, riconoscendo la sconfitta, il capolista della civica Eike Schmidt Sindaco, Paolo Bambagioni, parlando di occasione persa per cambiare una città, “bella, complessa. E un po' conservatrice”.

Più dura Alessandra Gallego, consigliera metropolitana uscente, che in un post su Facebook si scaglia contro chi ha deciso di non andare alle urne, senza se e senza ma: “Voglio fare i complimenti ai 47.510 fiorentini (che hanno votato al primo turno) che oggi hanno scelto deliberatamente di non votare. Il vero perdente qui è Firenze. Una città che è stata abbandonata non dalla politica, ma dai suoi cittadini, da quel 16,46% che ha scelto che “tanto uno vale l’altro, ma io vado a fare altro”. Sarò dura, ma questi 47.510 fiorentini che oggi non si sono presentati al voto, dovrebbero riflettere sulla loro scelta”.

Anche in casa Lega, ieri del tutto assente al comitato elettorale di viale Gramsci, ci si lamenta per l’astensionismo, “la delusione è tanta, soprattutto per quella maggioranza silente di fiorentini che hanno preferito non esprimersi democraticamente. Dall'opposizione saremo fieri di lavorare al fianco di Schmidt per il bene della città”, afferma la segretaria fiorentina Barbara Nannucci, mentre nessun commento dal numero uno provinciale Federico Bussolin e capogruppo uscente a Palazzo Vecchio.

“Abbiamo proposto a Firenze un programma ed una persona, una squadra e tante idee per cambiare la città. I fiorentini hanno votato ed hanno scelto. Quanto per noi è un punto di partenza. Saremo in consiglio comunale per Firenze mai contro la nostra città.  Saremo un’opposizione seria, concreta, determinata, leale, ci batteremo per le cose in cui crediamo.  Abbiamo iniziato con il sorriso e continueremo a tenerlo per i prossimi 5 anni perché così siamo abituati a fare politica. In bocca al lupo a Sara Funaro se lei farà bene Firenze sarà migliore”, le parole, infine del coordinatore regionale di Forza Italia Marco Stella affidate a un post su Facebook.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centrodestra, i conti non tornano: Schmidt perde seimila voti rispetto al primo turno
FirenzeToday è in caricamento