rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
Politica

Elezioni 2022: in Toscana la Corte d'Appello non ammette Forza Nuova

Escluse anche le liste di Cappato e Mastella. C'è invece 'Impegno Civico' di Di Maio

La Corte di Appello di Firenze, all'udienza dell'ufficio elettorale di ieri, ha ammesso per la Toscana 14 liste per la Camera e 15 per il Senato, in vista delle elezioni politiche del 25 settembre, su 20 liste depositate per entrambe le Camere.

Tra le liste ammesse ci sono tutti i principali partiti che hanno annunciato le candidature, mentre non sono state ammesse alla Camera, per motivi diversi tra loro, le liste Forza Nuova-Apf, Partito Comunista Italiano, Partito Animalista-Ucdl, Mastella Noi di Centro Europeisti, Gilet Arancioni-Unione Cattolica, Pensiero e Azione-Ppa.

Al Senato non sono state ammesse Mastella Noi di Centro, Partito Animalista-Ucdl, Gilet Arancioni-Unione Cattolica, Referendum e Democrazia di Cappato, Mastella Noi di centro Europeisti.

Tra le liste ammesse in Toscana, compaiono oltre a quelle di formazioni più strutturate sul territorio - Pd, Fdi, Fi, Lega, M5s, Azione-Italia Viva, Alleanza Verdi e Sinistra - anche Italexit, Noi Moderati con l'Italia, +Europa, Unione Popolare con De Magistris, Italia Sovrana e Popolare, Impegno Civico di Luigi Di Maio, Vita, per la Camera, mentre al Senato è stato ammesso oltre a queste 14 il Partito Comunista Italiano.

L'unica candidata esclusa è Ginevra La Russa presentata per il collegio 2 plurinominale nella lista di Alleanza Verdi e Sinistra. Le liste escluse hanno tempo 48 ore dalla notifica di questa decisione per impugnarla e fare ricorso. Tra Camera e Senato sono in totale 11 le liste escluse in Toscana dalla competizione elettorale come ha stabilito la corte d'appello di Firenze, da due giorni
impegnata nella valutazione dei requisiti per la partecipazione alle elezioni.

La corte ha bocciato Forza Nuova per carenza dei presupposti di legge. Il partito di Roberto Fiore non avrebbe raccolto un numero sufficiente di firme a sostegno dei candidati ritenendo sufficiente aver partecipato alle Elezioni Europee e contribuito alla elezione di un deputato. Ma per la Corte d'appello, quell'eletto era in rappresentanza della Grecia e non dell'Italia, come invece impone il nostro ordinamento.

Fuori anche il partito Mastella Noi di centro Europeisti: il listino è stato depositato su due fogli separati, solo uno autenticato. In tal modo, per i giudici fiorentini, non si garantisce la continuità del documento, come impone con diverse sentenze il Consiglio di Stato.

Respinta anche la lista di Cappato, 'Referendum e Democrazia', che ha depositato le firme con chiavetta Usb e non in forma cartacea. Tra i candidati esclusi, oltre a Ginevra La Russa di Alleanza Verdi e Sinistra alla Camera, escluso anche un candidato del Partito Comunista al Senato dato che non ha l'età per partecipare: ha 36 anni e per essere eletti a Palazzo Madama occorre averne compiuto 40. Per gli esclusi non è detta l'ultima parola: contro la decisione della Corte d'appello è previsto ricorso all'ufficio elettorale costituito presso la Corte di Cassazione. I ricorsi dovranno essere depositati entro 48 ore dalla notifica del decreto di non ammissione negli uffici della Corte d'appello di Firenze.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni 2022: in Toscana la Corte d'Appello non ammette Forza Nuova

FirenzeToday è in caricamento