Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Elezioni 2018, Fossati e Petraglia (LeU): "No al centro svenduto a rendita e turismo di lusso" / VIDEO

I due esponenti di Liberi e Uguali in visita alla storica farmacia dell'Oltrarno a rischio chiusura

 

“Firenze sta diventando un unico grande resort a servizio dei flussi immensi di turismo frettoloso e della rendita finanziaria e commerciale, senza che né l'amministrazione comunale né il governo nazionale sappiano contrastare con leggi e azioni questo fenomeno”.

Così gli esponenti di Liberi e Uguali Filippo Fossati (deputato uscente e candidato all'uninominale e al plurinominale della Camera a Firenze) e Alessia Petraglia (senatrice uscente e candidata al seggio uninominale del Senato Toscana 1, lo stesso di Renzi), questa mattina a fare volantinaggio in Oltrarno.

I due politici hanno fatto visita alla storica Farmacia Pitti, aperta nel 1810 e che ora rischia di chiudere e diventare una struttura ricettiva di lusso per turisti. “Due edifici storici di piazza San Felice in Oltrarno, fra cui quello che ospita la storica Farmacia, saranno venduti e trasformati in residenza turistica di lusso”, anche per colpa “di una scellerata politica che colpisce una ad una le ricchezze di Firenze, allontana gli abitanti per far posto agli affitti turistici, scaccia le botteghe e i laboratori artigiani e colpisce il commercio tradizionale”, attaccano Fossati e Petraglia.

“Servono leggi e delibere che colpiscano con adeguata tassazione i redditi da affitti turistici, agevolino le locazioni residenziali a lungo termine, salvaguardino le botteghe storiche, destinino il patrimonio edilizio pubblico dismesso solo a usi collettivi o residenziali ad affitto calmierato, permettano – con norme urbanistiche e incentivi – la ristrutturazione ai fini produttivi per l'artigianato, blocchino la fuga dei servizi pubblici, a partire dal presidio socio sanitario di Santa Rosa che da tempo cerchiamo di difendere”, concludono i due candidati di Liberi e Uguali, unendosi “alla battaglia per impedire la chiusura della storica farmacia”.

Con Fossati e Petraglia c'era anche la consigliera comunale Stefania Collesei, del gruppo Mdp-Articolo 1: “Sulla questione della farmacia - ha detto Collesei -, presenterò un'interrogazione nel consiglio comunale di lunedì prossimo”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FirenzeToday è in caricamento