Giovedì, 13 Maggio 2021
Politica

Palazzo Vecchio: "Non discutono i nostri atti". E il centrodestra abbandona il consiglio

Il centrodestra contesta l'ordine dei lavori, la replica del Pd: "Tanto rumore per nulla"

"Il PD, in evidente imbarazzo, ricorre a un escamotage per evitare la discussione degli ordini del giorno del centrodestra sulla toponomastica (tra i quali la richiesta del centrodestra di intitolare una via ad Indro Montanelli, ndr). Il caso Giani non può arrivare in Consiglio comunale, e così i 'democratici' mettono il bavaglio all'opposizione".

Con queste parole, i consiglieri di Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia insieme al coordinatore del centrodestra Ubaldo Bocci ieri hanno abbandonato i lavori del consiglio comunale, che si svolge ora nel Salone dei Cinquecento per garantire le distanze fisiche imposte dall'emergenza coronavirus.

La protesta e l'uscita dall'aula spiegano i capigruppo Bussolin (Lega), Cellai (Forza Italia), Draghi (Fratelli d'Italia) e Bocci "dopo che una mozione d'ordine proposta dal PD aveva anticipato il voto su due delibere, spostando in coda ai lavori gli ordini del giorno, lavori la cui chiusura era fissata per le 19".

"Non c'era il tempo materiale per discutere i nostri ordini del giorno e i consiglieri PD lo sapevano bene. Dopo l'attacco di Giani a Susanna Ceccardi meglio non parlare di donne vittime di sessismo o di una strada da intitolare a Indro Montanelli, argomenti dei nostri due atti. Uno spettacolo vergognoso, una maggioranza di sinistra impaurita e senza rispetto per la minoranza dell'assemblea".

Pronta la replica del Pd. "Tanto rumore per nulla. Abbiamo dato priorità alla disamina e alla votazione delle delibere in programma, discutendo gli ordini del giorno a seguire. Il centrodestra coglie l’occasione per l’ennesima strumentalizzazione. La solita politica che usa espedienti per arrivare alla pancia dei cittadini, per avere visibilità deve ricorrere a gesti eclatanti. Sugli atti siamo sempre pronti a confrontarci e l’avremmo fatto anche oggi (ieri, ndr) se fossero rimasti in aula", dice il capogruppo dem Nicola Armentano assieme alle vice Albanese e Perini.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palazzo Vecchio: "Non discutono i nostri atti". E il centrodestra abbandona il consiglio

FirenzeToday è in caricamento